DEBITO PUBBLICO

mercoledì 30 dicembre 2015

L'ASTENSIONE.....LA FA DA PADRONE!

Il consiglio comunale del 21 dicembre 2015 si svolge su tre punti, il primo è la votazione, quindi presa d'atto della convenzione e successivo adeguamento alla normativa nazionale obbligatoria in materia di distribuzione del gas naturale per ambiti territoriali. 
Le opposizioni si astengono dopo richieste di puntualizzazione.
Il secondo punto, che a noi interessa in  particolar modo, riguarda la convenzione tra i comuni limitrofi di Solbiate Olona, Fagnano Olona, Gorla Minore, Marnate e Olgiate Olona per lo svolgimento associato dei procedimenti di affido in appalto della gestione dei servizi d'igiene urbana. 
Il passo è stato deciso, dai soggetti interessati, per trasformare i comuni in una sola grande entità appaltatrice e procedere poi, forti del grosso bacino di utenza, alla stipula di un contratto che porterà benefici tangibili in termini di performances del differenziato e minori costi per i cittadini.
Buongiorno Solbiate con il consigliere Brogin, contesta la convenzione, preoccupato per un verso dai comuni legati al consorzio Accam e dall'altra per la mancanza di un chiaro riferimento alla riduzione dei costi e alla tariffa puntuale.

Il sindaco precisa che deve essere fatto un distinguo tra convenzione (accordo politico tra gli attori) e bando, il quale conterrà sicuramente° tutte le garanzie di razionalizzazione delle spese, quindi un risparmio per i cittadini con l'attivazione della tariffa puntuale, precisando altresì che la convenzione è rivolta ai soli comuni confinanti tra loro.

Infatti, alcuni comuni aderiranno subito, perché svincolati da contratti (come il nostro), mentre gli altri entreranno a far parte una volta liberi da precedenti impegni esistenti .

Il consigliere Catone invece, non è cosi negativo sul progetto e dopo altre richieste d'informazioni sui comuni soci di Accam, propone un emendamento alla delibera che chiede °di dare mandato al sig. Sindaco di adoperarsi nelle sedi preposte per l'introduzione della tariffa puntuale!!

Nessuna ostativa da parte del consiglio comunale completo, che vota all'unanimità, (evidenziando così una netta incoerenza da parte del consigliere Brogin, che nella votazione precedente si è tirato fuori A S T E N U T O).

A questo punto, vi confidiamo di essere un filo preoccupati, il consigliere Catone vota proposte che il MoVimento 5 Stelle porta avanti da sempre come lo stop alla cancrena delle slot machine nei luoghi pubblici e l'impegno dei comuni per l'adozione della tariffa puntuale,
...che comincino a piacergli le 5 Stelle? tutto è  P O S S I B I L E.

Ultimo punto, adesione dei comuni di Cesate, Solaro e Inveruno alla convenzione tra i comuni di Rho e Solbiate Olona per la gestione in forma associata della centrale unica di committenza per gli appalti pubblici, presa d'atto. Le opposizioni per motivi diversi si astengono.

L'astensione  spesso rappresenta  la carta più facile da giocare per togliersi dagli impicci perché impreparati, altre volte evidenzia una palese mancanza d'idee. 
Le battaglie inconcludenti tra maggioranza e opposizione sono un problema a  livello nazionale, qui a Solbiate se ne gioca solo uno scorcio.

Questo modus operandi  è talmente radicato che si ritiene impossibile ogni collaborazione, anche quando le condizioni lo permettono, con chi guida il paese per cercare le migliori decisioni per i cittadini, che sono i datori di lavoro di tutti i soggetti politici. 
Non si produce critica costruttiva, non si alimenta un leale confronto,  si azzerano le capacità intellettive, preferendo distruggere tutto quello che è proposto da chi guida il governo locale, regionale, nazionale.

Di strade alternative crediamo ne esistano, basta avere la voglia e l'onestà intellettuale per attuarle: si possono proporre progetti, idee, contenuti alternativi, concorrenziali a quelli proposti dalla maggioranza da discutere in consiglio comunale  cosi da far capire al cittadino che, chi ha la guida del paese, magari non fa la cosa migliore in quel frangente.

Si deve verificare, (noi diremo tenere il fiato sul collo) che le decisioni votate in consiglio comunale siano poi, alla prova dei fatti, la migliore soluzione che si potesse scegliere e denunciare pubblicamente la loro eventuale inefficacia.

Questo dovrebbe fare una seria opposizione. 
Nostro personale punto di vista.


Buona vita e buon 2016… 

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...