DEBITO PUBBLICO

martedì 17 marzo 2015

LA STRADA CHE PORTA ALLA TARIFFA PUNTUALE E CONSIGLIO COMUNALE 1/2015

Dopo aver protocollato la richiesta di procedere verso la tariffa puntuale, atteggiamento che riteniamo  porterà  una più equa suddivisione dei costi per la tariffa di igiene ambientale e nello stesso tempo vada a rispettare quelle che sono le scadenze imposte dalla U.E. che vedono nell’anno 2020 il termine ultimo per mettersi in regola con questo sistema, a beneficio di curiosi e invidiosi comunichiamo di aver voluto incontrare il sindaco Melis e l’assessore Caprioli, per capire fino a quanto siano interessati al progetto.
Il colloquio è stato preceduto da una attenta analisi del territorio e dei comuni a noi vicini, interessamento che ci ha portato in quel di Malnate dove, non da molto tempo è stata adottata la tariffa puntuale, con benefici pressoché immediati per i cittadini e per l’amministrazione comunale. Abbiamo incontrato l’assessore all'ecologia Sig. Giuseppe Riggi e la Sig.a  Giancarla Battaini, responsabile del Servizio Igiene Urbana, persone molto disponibili, competenti ma soprattutto motivate e assertori della condivisione dei risultati con chiunque sia interessato.
La nostra collaborazione con l’amministrazione Melis è motivata solo dalla voglia di portare a compimento quelle idee che riteniamo degne di impegno e finalizzate a far crescere il nostro comune. 
Per contro leggiamo che le opposizioni, storicamente prive di qualsiasi concretezza e fantasia creativa, sono impegnate a far proliferare sui blog e social persone che operano solamente con l’intento di gettare discredito su tutto e su tutti quelli che non orbitano intorno ai soliti compagni di merende.
Noi vorremmo “non ragionar di lor ma guarda e passa” (Inf. III, 51 Dante) ma, per correttezza nei confronti di chi ci segue, ci preme chiarire alcuni punti che riteniamo siano importanti:
  • Noi interagiamo con l’attuale amministrazione in quanto è l’unica propensa a farlo, mai sentito nessuno delle opposizioni cercare contatti con noi per elaborare progetti che possano essere portati in discussione in consiglio comunale, che sottolineiamo è l’unica sede dove si dibatte e si decide la vita sociale del nostro comune. Fare i gruppi su Facebook per contrastare questa o quell'idea non serve e non costruisce nessuna proposta alternativa
  • Solbiate Olona 5 Stelle non ha mai partecipato a ruoli di scambio per quello che fa o per i fini che ha, nel concreto quella di aver deciso di mettere come coordinatore della ProCiv, il Sig. Marasco Francesco non ha avvantaggiato o appagato gli appetiti di nessuno e corrisponde a menzogna. La responsabilità della scelta della persona, che viene definita digiuna di qualsiasi esperienza formativa è unicamente ascrivibile al sindaco Melis per la scelta e all’interessato, che l’incarico lo ha accettato. Il fatto che il Sig. Marasco sia un attivista del Movimento non deve dare adito a nessun tipo di illazione.

E’ bizzarro che queste accuse vengano fatte da persone che da anni hanno, all’interno della Pro Loco, un nutrito gruppo di iscritti che direttamente o indirettamente fanno parte della lista Buongiorno Solbiate e che ormai da anni usano le varie associazioni come contenitori di voti. 
Noi non siamo abituati a questi comportamenti, anche se difficile da capire, dovete farvene una ragione. 
Ma questa gente, che adesso si agita cosi tanto, è quella che direttamente o indirettamente ha governato questo paese per oltre 20 anni, facendo assomigliare Solbiate Olona, più che un comune, a un feudo.
Per finire, le nostre proposte non si fermano certo qua, nei prossimi mesi produrremo altre idee interessanti, invitiamo tutte le persone di buona volontà a venirci a trovare, uniamo le forze e le idee. Insieme è più facile.
Questa non è una minaccia, è una promessa….

5 commenti:

  1. Ho appena pubblicato un commento. dov'è?

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Riscrivo:
    In qualità di Presidente della Pro Loco chiedo che mi venga comunicato immediatamente il nome e cognome della persona della Pro Loco che ha fatto tali accuse.
    E mi rammarico enormemente del fatto che scriviate certi blog senza neanche essere prima venuti da me a parlarne, che mi sembra il minimo prima di pubblicare illazioni o tali pesanti argomentazioni!
    Mi pare di esser stata chiara mesi fa con l'argomento "politica" e da dicembre per quanto riguarda la Pro Loco: e ciò è stato detto ufficialmente sia ai Consiglieri Pro Loco, sia al Sig. Sindaco e S.O.Servizi sia al gruppo MastrArtisti sia a quant'altri abbiano parlato con me.
    RIPETO PER TUTTI QUINDI: La Pro Loco non è uno strumento della politica e tanto meno intendo permetterlo, perciò è ora di finirla di prendere la Pro Loco come scusa per argomentazioni politiche esterne a quest'ultima. Per qualsiasi dubbio, venite a parlare con me e non coinvolgete persone e intenti che non riguardano la Pro Loco (non è che qualsiasi cosa dica un socio Pro Loco, significhi che stia parlando ufficialmente per la Pro Loco).
    Non accetto dunque questo blog e le vs accuse, se non debitamente a me giustificate.
    Attendo vs invito per un incontro diretto. Grazie
    Alessia Lazzaretti
    Presidente Pro Loco Solbiate Olona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gent.ma sig.ra Lazzaretti, comprendiamo bene che, in qualità di presidente della Pro Loco, è sua facoltà intervenire in tutte quelle situazioni che mettono l'associazione in discussione ma non deve prendersela cosi, rischia di fare la fine di Don Chisciotte della Mancia, a  lottare contro i mulini a vento.
      Le  associazioni locali, durante le elezioni politiche, finiscono inevitabilmente per diventare potenziali bacini di voto avendo le motivazioni più disparate. Questa regola, vecchia come il mondo  non  è deontologica ma purtroppo consueta dappertutto.
      In quanto all'accusa di cancellare i commenti, sarebbe l'ora di darci un taglio una volta per tutte, noi siamo l'unico blog di Solbiate Olona e forse della intera valle che non censura nessun commento  a meno che non sia offensivo  o lesivo della dignità personale.
      Nel caso in questione, ha fatto tutto da sola, prima cancellando maldestramente il commento, per   poi chiamare blog il post da noi pubblicato.
      Per evitare disinformazione, si definisce BLOG un sito internet dove persone o gruppi pubblicano periodicamente i propri pensieri, opinioni, riflessioni, chiamati POST.
      Certi di averLe fatto cosa gradita, la invitiamo a venirci a trovare al nostro locale aperto il Martedi sera dalle 21 in poi.
      Con i migliori saluti.

      Solbiate Olona 5 Stelle 

      Elimina
  4. Grazie per la lezione.
    Il discorso però è un altro e vorrei avere risposte alle mie domande dirette, non alla terminologia di internet o con argomentazioni per deviare.
    Comunque ho già parato con Francesco e sto aspettando vs riscontro per l'incontro di persona.
    Alessia

    RispondiElimina