DEBITO PUBBLICO

mercoledì 30 dicembre 2015

L'ASTENSIONE.....LA FA DA PADRONE!

Il consiglio comunale del 21 dicembre 2015 si svolge su tre punti, il primo è la votazione, quindi presa d'atto della convenzione e successivo adeguamento alla normativa nazionale obbligatoria in materia di distribuzione del gas naturale per ambiti territoriali. 
Le opposizioni si astengono dopo richieste di puntualizzazione.
Il secondo punto, che a noi interessa in  particolar modo, riguarda la convenzione tra i comuni limitrofi di Solbiate Olona, Fagnano Olona, Gorla Minore, Marnate e Olgiate Olona per lo svolgimento associato dei procedimenti di affido in appalto della gestione dei servizi d'igiene urbana. 
Il passo è stato deciso, dai soggetti interessati, per trasformare i comuni in una sola grande entità appaltatrice e procedere poi, forti del grosso bacino di utenza, alla stipula di un contratto che porterà benefici tangibili in termini di performances del differenziato e minori costi per i cittadini.
Buongiorno Solbiate con il consigliere Brogin, contesta la convenzione, preoccupato per un verso dai comuni legati al consorzio Accam e dall'altra per la mancanza di un chiaro riferimento alla riduzione dei costi e alla tariffa puntuale.

Il sindaco precisa che deve essere fatto un distinguo tra convenzione (accordo politico tra gli attori) e bando, il quale conterrà sicuramente° tutte le garanzie di razionalizzazione delle spese, quindi un risparmio per i cittadini con l'attivazione della tariffa puntuale, precisando altresì che la convenzione è rivolta ai soli comuni confinanti tra loro.

Infatti, alcuni comuni aderiranno subito, perché svincolati da contratti (come il nostro), mentre gli altri entreranno a far parte una volta liberi da precedenti impegni esistenti .

Il consigliere Catone invece, non è cosi negativo sul progetto e dopo altre richieste d'informazioni sui comuni soci di Accam, propone un emendamento alla delibera che chiede °di dare mandato al sig. Sindaco di adoperarsi nelle sedi preposte per l'introduzione della tariffa puntuale!!

Nessuna ostativa da parte del consiglio comunale completo, che vota all'unanimità, (evidenziando così una netta incoerenza da parte del consigliere Brogin, che nella votazione precedente si è tirato fuori A S T E N U T O).

A questo punto, vi confidiamo di essere un filo preoccupati, il consigliere Catone vota proposte che il MoVimento 5 Stelle porta avanti da sempre come lo stop alla cancrena delle slot machine nei luoghi pubblici e l'impegno dei comuni per l'adozione della tariffa puntuale,
...che comincino a piacergli le 5 Stelle? tutto è  P O S S I B I L E.

Ultimo punto, adesione dei comuni di Cesate, Solaro e Inveruno alla convenzione tra i comuni di Rho e Solbiate Olona per la gestione in forma associata della centrale unica di committenza per gli appalti pubblici, presa d'atto. Le opposizioni per motivi diversi si astengono.

L'astensione  spesso rappresenta  la carta più facile da giocare per togliersi dagli impicci perché impreparati, altre volte evidenzia una palese mancanza d'idee. 
Le battaglie inconcludenti tra maggioranza e opposizione sono un problema a  livello nazionale, qui a Solbiate se ne gioca solo uno scorcio.

Questo modus operandi  è talmente radicato che si ritiene impossibile ogni collaborazione, anche quando le condizioni lo permettono, con chi guida il paese per cercare le migliori decisioni per i cittadini, che sono i datori di lavoro di tutti i soggetti politici. 
Non si produce critica costruttiva, non si alimenta un leale confronto,  si azzerano le capacità intellettive, preferendo distruggere tutto quello che è proposto da chi guida il governo locale, regionale, nazionale.

Di strade alternative crediamo ne esistano, basta avere la voglia e l'onestà intellettuale per attuarle: si possono proporre progetti, idee, contenuti alternativi, concorrenziali a quelli proposti dalla maggioranza da discutere in consiglio comunale  cosi da far capire al cittadino che, chi ha la guida del paese, magari non fa la cosa migliore in quel frangente.

Si deve verificare, (noi diremo tenere il fiato sul collo) che le decisioni votate in consiglio comunale siano poi, alla prova dei fatti, la migliore soluzione che si potesse scegliere e denunciare pubblicamente la loro eventuale inefficacia.

Questo dovrebbe fare una seria opposizione. 
Nostro personale punto di vista.


Buona vita e buon 2016… 

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...



 








martedì 3 novembre 2015

PUNTUALIZZAZIONI DI REFUSI.....IN BARBA AL REGOLAMENTO

Tenuto conto dei punti all’ordine del giorno, alcune mozioni della minoranza risultano già trattate e di conseguenza ripetitive.

Dopo una veloce surroga del consigliere uscente, si entra nel vivo del Consiglio comunale del 12 ottobre 2015.
 

Passiamo poi nel merito del secondo punto, dove la minoranza non condivide la variazione di bilancio in tempi così ridotti, ed accusa la giunta di non riuscire a preventivare e pianificare quelli che sono i costi dell'amministrazione.
Il Sindaco giustifica il carattere di urgenza con l’avvicendamento del nuovo responsabile dell’ufficio tecnico il quale ha imposto alcune migliore ai progetti esistenti, e l’imprevedibilità delle spese correnti.


Si giunge quindi alla presa d’atto del regolamento in materia di Servizi Socio Assistenziali e Sanitari, che parte con la richiesta di chiarimento da parte delle opposizioni sulla partecipazione o meno del comune di Olgiate Olona, dato che nella copia in loro possesso non compare.
La precisazione, che il comune di Olgiate Olona non aderirà, arriva con una telefonata a sorpresa fatta dell’assessore Aspesani in tempo reale.
Si prosegue quindi con le quattro mozioni, *tre delle quali già adottate in altri comuni e che si rifanno alla volontà che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle;
Prendendo spunto da quest’ultima mozione volevamo far notare due particolari curiosi:


  1. Il consigliere Catone, che in campagna elettorale era sostenuto dal PD, uno dei partiti che ha condonato/regalato 98 MILIARDI DI EURO ai gestori delle slot machine, adesso tenta di calarsi nei panni del paladino nella lotta al gioco d’azzardo?
  2. Curiosa la motivazione dell'Amministrazione che ha liquidato la mozione, esprimendo voto contrario, motivandola con la volontà di non danneggiare l'aspetto economico degli esercizi commerciali interessati ..
Si passa poi alle interrogazioni, viene chiesto l’aggiornamento sull’iter della fidejussione riguardante il fallimento Swim Planet, è stata ripercorsa tutta la vicenda, al termine della quale emerge un'offerta da parte di Cattolica Assicurazioni di circa 300.000€ rifiutata da parte del comune per non creare ammanchi sul bilancio dell’anno scorso.
Il consigliere Catone interviene su un interrogazione presentata solo dal gruppo “Buongiorno Solbiate”, provocando un battibecco con il Sindaco e il Segratario Bottari.
Ci meraviglia che il sig. Catone non conosca le più elementari regole presenti nel TUEL, il quale ricorda che un’interrogazione presentata da un altro gruppo, e non sottoscritta, NON PUÒ essere oggetto di intervento.

L’ultima interrogazione che torna a chiedere informazioni sulla messa in sicurezza della palestra comunale, viene liquidata dalla giunta ripetendo quanto espresso in precedenza.


Di seguito i link ai filmati del consiglio comunale del 12 ottobre 2015:

 



 
 Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.
Stay tuned...

mercoledì 29 luglio 2015




Informiamo che gli incontri degli attivisti di Solbiate Olona sono sospesi dal 28 luglio al 1 settembre 2015 per ferie.
Come di consueto auguriamo buone vacanze a tutti!!

domenica 26 luglio 2015

CONSIGLIO COMUNALE PUNTUALE.....PRO-L'OCCHIO


Lunedì 20 luglio si è  svolto il consiglio comunale e come consuetudine pubblichiamo i relativi video.

Ci ha fatto piacere che la giunta comunale abbia espresso la volontà che a partire dal 2016 si voglia intraprendere, anche a Solbiate Olona, la "tariffazione puntuale", come da nostra proposta.

Un altro punto che, a nostro giudizio, è  degno di un commento più per la forma  che per la sostanza,  è quello relativo al cambio di regolamento per la concessione del centro socio culturale, che parificherebbe TUTTE le associazioni presenti sul territorio in egual misura, Pro Loco compresa e ci fa specie la richiesta, da parte della consigliera Tisano e di conseguenza del gruppo "Buongiorno Solbiate", di avere un occhio di riguardo per la Pro-Loco.

Ma non era stata proprio la Pro-Loco a rivendicare la propria autonomia e indipendenza?????


Di seguito i link ai filmati del consiglio comunale del 20 luglio 2015:

 



 
Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.
Stay tuned...

martedì 30 giugno 2015

DISSERTAZIONI SUL FIUME OLONA E NON SOLO.....

AGGIORNAMENTO INTRODUZIONE TARIFFA PUNTUALE

Lunedì 29 giugno abbiamo incontrato il sindaco Melis per chiedere informazioni su quanto da noi portato in discussione a suo tempo e riferito alla volontà e alla tempistica di avvicinamento alla tariffa puntuale a Solbiate Olona.
La riunione ha confermato la volontà dell’amministrazione di voler procedere in tal senso, arrivando all’adozione di questo importante sistema di gestione di Igiene Urbana al più presto, un passo ritenuto importante da entrambe le parti per il bene del nostro comune.


VASCHE DI LAMINAZIONE


Più che sul progetto, dobbiamo focalizzare la nostra attenzione sulla loro effettiva utilità in questo momento storico, basandoci su quello che è lo stato generale del fiume Olona, quel poco che si è fatto fino ad oggi e quelle azioni che, si auspica vengano intraprese nel prossimo futuro da parte di Regione Lombardia tramite la VI° Commissione Ambiente, presieduta dall’ormai noto avv. Luca Marsico, amico (o ex?) di associazioni locali, di giornalisti locali e paladini locali dell’ambiente.
I tentativi di riportare il fiume Olona ai parametri imposti dalla U.E. sono da “mission impossible” pregni di contraddizioni e paradossi. Uno dei tanti è il nostro caso, ci domandiamo a cosa serva chiedere a uno dei tanti comuni che si trovano sull’asta del fiume di raccogliere le acque inquinate di prima pioggia  quando, poco più avanti, nel vicino comune di Castellanza, la società chimica Perstorp scarica in deroga tutti i suoi inquinanti, a Cairate lo stesso fa la ditta Lepori a Daverio la ditta Goglio spa cosi come a Induno Olona la Carlsberg Italia spa.
 A che serve in questo momento quello che definiremo “palliativo” se le acque del fiume Lura (affluente) trasportano in Olona particelle radioattive, eredità lasciata dal grave incidente nucleare avvenuto alla fonderia Premoli di Rovello Porro.
Per non parlare poi dei depuratori mancanti, quelli esistenti ma vetusti, sottodimensionati e spesso vittime di problemi tecnici. Siamo sicuri che la vera priorità siano le vasche di laminazione a Solbiate Olona? Per favore non scherziamo! Sarebbe come dare l’aspirina a una persona malata di ebola.  Avete mai sentito parlare di scala delle priorità nella risoluzione di problemi? Crediamo che all’avv. Luca Marsico, degno rappresentante di una classe politica inefficace e incapace, farebbe bene qualche corso di decision making e problem-solving.
In Aprile 2015 la Prealpi Servizi ha scritto una lettera alla Società per la tutela del fiume Olona comunicando il proprio parere sullo scarico in deroga che, come tutti sappiamo, non è più rinnovato da Giugno 2015, ma a tutt'oggi inapplicato.
A tal proposito Solbiate Olona 5 Stelle ha inviato un fax alla soc. gestore dei depuratori (Prealpi Servizi) e per conoscenza alla Società Tutela Ambientale fiume Olona, per chiedere alcuni chiarimenti su quanto da loro dichiarato.
Siamo in attesa di risposta che provvederemo puntualmente a pubblicare quando (e se) la riceveremo. In allegato le due lettere oggetto dello scambio epistolare.



















Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...

martedì 19 maggio 2015

CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 APRILE 2015

Degna di nota e ancora forte la discussione sui modi con cui sono girate le comunicazioni tra amministrazione e le parti interessate. sulla chiusura della palestra a seguito della caduta di calcinacci.

Il vice sindaco Macchi ha dichiarato pubblicamente di aver avvisato, con una telefonata, la presidentessa della consulta sportiva che la palestra rimaneva inagibile in attesa dei sopralluoghi.

Ci meraviglia come il sig. Macchi sia stato così ingenuo, utilizzando un metodo che si addice più a un cliente di un circolo ricreativo che a una persona che ricopre una carica pubblica. 
Dovrebbe sapere benissimo che tali delicate comunicazioni si fanno con strumenti che diano la certezza dell’avvenuta ricezione da parte del destinatario. 
Tale sistema è chiesto anche al cittadino per le comunicazioni nel senso inverso.

Per fortuna, nonostante la leggerezza compiuta, non si sono verificati incidenti. 
Per rimediare al grossolano errore sarebbe bastato un “mea culpa”, chiedendo scusa a tutti. Qualcuno ci dirà che siamo dei sognatori.

Difficilmente oggi, pochi ammettono di aver sbagliato e riconoscono i propri errori.

Cresce nella nostra società una certa arroganza nelle proprie azioni, diminuisce il rispetto verso gli altri, si calpestano le altrui necessità e i bisogni, ci pervade una sorta di indifferenza, pensando di poter fare quello che si vuole, quando si vuole, infrangendo  regole scritte e morali che aiutano a gestire i rapporti tra gli esseri umani.

Ci meraviglia anche il comportamento della sig.ra  Zocchi Sandia, presidente della consulta sportiva. 
Dopo essere stata chiamata in causa dal sig. Macchi come la destinataria della telefonata, nega tutto e dichiara di ratificare le dimissioni dalla carica ricoperta.

Pensiamo che dare le dimissioni sia una cosa seria, una decisione da ponderare bene,  che si concretizza quando si è consapevoli di provare un disagio causato da un  torto che si subisce, nella fattispecie la testimonianza del vice sindaco e crediamo che, una volta prese, non possano essere ritirate .

La decisione viene comunicata anche alla stampa locale che né da ampio risalto ma, passato qualche giorno, veniamo a sapere del ripensamento.

Quindi tutto a posto, tutto sistemato!
 
Questo modo di agire ci lascia perplessi ma, purtroppo, non ci sorprende, viviamo in un Paese dove il senso della correttezza, della morale e della parola ha significati interpretabili a seconda della convenienza.



Di seguito i link ai filmati del consiglio comunale del 30 aprile 2015:


 
consiglio comunale del 29 aprile 2015 1/9  
consiglio comunale del 29 aprile 2015 2/9  
consiglio comunale del 29 aprile 2015 3/9  
consiglio comunale del 29 aprile 2015 4/9  
consiglio comunale del 29 aprile 2015 5/9  
consiglio comunale del 29 aprile 2015 6/9  
consiglio comunale del 29 aprile 2015 7/9  
consiglio comunale del 29 aprile 2015 8/9  
consiglio comunale del 29 aprile 2015 9/9  



Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.
Stay tuned...


 

martedì 17 marzo 2015

LA STRADA CHE PORTA ALLA TARIFFA PUNTUALE E CONSIGLIO COMUNALE 1/2015

Dopo aver protocollato la richiesta di procedere verso la tariffa puntuale, atteggiamento che riteniamo  porterà  una più equa suddivisione dei costi per la tariffa di igiene ambientale e nello stesso tempo vada a rispettare quelle che sono le scadenze imposte dalla U.E. che vedono nell’anno 2020 il termine ultimo per mettersi in regola con questo sistema, a beneficio di curiosi e invidiosi comunichiamo di aver voluto incontrare il sindaco Melis e l’assessore Caprioli, per capire fino a quanto siano interessati al progetto.
Il colloquio è stato preceduto da una attenta analisi del territorio e dei comuni a noi vicini, interessamento che ci ha portato in quel di Malnate dove, non da molto tempo è stata adottata la tariffa puntuale, con benefici pressoché immediati per i cittadini e per l’amministrazione comunale. Abbiamo incontrato l’assessore all'ecologia Sig. Giuseppe Riggi e la Sig.a  Giancarla Battaini, responsabile del Servizio Igiene Urbana, persone molto disponibili, competenti ma soprattutto motivate e assertori della condivisione dei risultati con chiunque sia interessato.
La nostra collaborazione con l’amministrazione Melis è motivata solo dalla voglia di portare a compimento quelle idee che riteniamo degne di impegno e finalizzate a far crescere il nostro comune. 
Per contro leggiamo che le opposizioni, storicamente prive di qualsiasi concretezza e fantasia creativa, sono impegnate a far proliferare sui blog e social persone che operano solamente con l’intento di gettare discredito su tutto e su tutti quelli che non orbitano intorno ai soliti compagni di merende.
Noi vorremmo “non ragionar di lor ma guarda e passa” (Inf. III, 51 Dante) ma, per correttezza nei confronti di chi ci segue, ci preme chiarire alcuni punti che riteniamo siano importanti:
  • Noi interagiamo con l’attuale amministrazione in quanto è l’unica propensa a farlo, mai sentito nessuno delle opposizioni cercare contatti con noi per elaborare progetti che possano essere portati in discussione in consiglio comunale, che sottolineiamo è l’unica sede dove si dibatte e si decide la vita sociale del nostro comune. Fare i gruppi su Facebook per contrastare questa o quell'idea non serve e non costruisce nessuna proposta alternativa
  • Solbiate Olona 5 Stelle non ha mai partecipato a ruoli di scambio per quello che fa o per i fini che ha, nel concreto quella di aver deciso di mettere come coordinatore della ProCiv, il Sig. Marasco Francesco non ha avvantaggiato o appagato gli appetiti di nessuno e corrisponde a menzogna. La responsabilità della scelta della persona, che viene definita digiuna di qualsiasi esperienza formativa è unicamente ascrivibile al sindaco Melis per la scelta e all’interessato, che l’incarico lo ha accettato. Il fatto che il Sig. Marasco sia un attivista del Movimento non deve dare adito a nessun tipo di illazione.

E’ bizzarro che queste accuse vengano fatte da persone che da anni hanno, all’interno della Pro Loco, un nutrito gruppo di iscritti che direttamente o indirettamente fanno parte della lista Buongiorno Solbiate e che ormai da anni usano le varie associazioni come contenitori di voti. 
Noi non siamo abituati a questi comportamenti, anche se difficile da capire, dovete farvene una ragione. 
Ma questa gente, che adesso si agita cosi tanto, è quella che direttamente o indirettamente ha governato questo paese per oltre 20 anni, facendo assomigliare Solbiate Olona, più che un comune, a un feudo.
Per finire, le nostre proposte non si fermano certo qua, nei prossimi mesi produrremo altre idee interessanti, invitiamo tutte le persone di buona volontà a venirci a trovare, uniamo le forze e le idee. Insieme è più facile.
Questa non è una minaccia, è una promessa….