DEBITO PUBBLICO

martedì 28 gennaio 2014

RACCONTI.....DAL LIBRO DELLA GIUNTA: BASTANO POCHE BRICIOLE, LO STRETTO INDISPENSABILE

Da qualche giorno girano notizie su svariati temi che, per diverse motivazioni, interessano il nostro territorio e sui quali, come gruppo 5 Stelle, ci siamo già soffermati facendovi partecipi del nostro pensiero.
Per fare un poco di chiarezza partiremo dagli aiuti alla persona, compito assolto dal settore Servizi Sociali che ha l’incarico istituzionale di attivare nel territorio le politiche sociali e tra gli obiettivi prioritari perseguiti dal settore c’è quello di garantire il sostegno a persone o famiglie in situazione di disagio e marginalità sociale. Nel nostro ultimo post abbiamo contestato le incongruenze della giunta Melis rispetto ai 429.000 euro di surplus in entrata dovuti al fondo di perequazione, che prevedeva la realizzazione di campi da tennis oltre a spese varie più o meno condivisibili. Niente si diceva per le 80 famiglie di cui almeno 30 in disperato bisogno di aiuto, come comunicato anche dalla Caritas locale.
Fa piacere quindi leggere dalle pagine del grande quotidiano "La Prealpina" che l’assessore ai servizi sociali Aspesani, finalmente, si accorgesse che ci sono delle situazioni di grande disagio a Solbiate.

Per fortuna, come da noi fortemente auspicato, sono arrivati 10.000 euro che, non sappiamo se siano il massimo che si può destinare, ma almeno sono un inizio. Vale la pena di ricordare che nessuna azione di rilievo è stata fatta su questa triste problematica dalle pseudo opposizioni, specialmente quelle filo cattoliche, le quali non si sono accorte del grave problema o non hanno voluto accorgersene, limitandosi a seguire piccoli interventi di ritocco e cesello ai regolamenti durante i consigli comunale. D’altra parte queste voci di spesa sono generalmente mal digerite dalle amministrazioni comunali, perché? Semplice, non hanno cassa di risonanza, consumano risorse di cassa e non possono essere pubblicizzate più di tanto per evidenti motivi, perciò non sono di facciata, non mettono in risalto l’opera chi amministra ma soprattutto non portano voti per la campagna elettorale!! Vuoi mettere una bella piazza ristrutturata o dei bei marciapiedi oppure campi da tennis coperti e riscaldati a beneficio di qualche personaggio importante del paese? Non ci sono paragoni in termini di visibilità! In campagna elettorale tutto può accadere, infatti improvvisamente ti spunta fuori la commissione ambiente, che, a pochi mesi dalle elezioni, punta il dito contro Melis (strano, il presidente è il sig. Viganò!) e porta all’attenzione della comunità diverse problematiche di carattere ambientale. La prima è l’amianto scoperto in zona cimitero e vicino alla piazzola ecologica che, al contrario di quello trovato seppellito nei terreni della fonderia Bianchi, non ha paternità. La seconda, meno allarmante diremo, la spazzatura che deturpa alcune vie del paese. In questo specifico caso la soluzione è abbastanza semplice, basta un maggiore rispetto degli orari di conferimento fuori della porta di casa, ritiro di prima mattina da parte dell’operatore ecologico e una maggiore attenzione da parte di tutti al rispetto delle regole scritte.
Cogliamo l’occasione per informare il Sindaco e la commissione ambiente che la nostra piazzola ecologica è l’unica tra i paesi limitrofi dove chiunque non residente a Solbiate può entrare senza essere identificato e lasciare in discarica qualsiasi cosa arrivi da fuori paese. Speriamo si possa rimediare a questa leggerezza, adottando accorgimenti già in uso altrove, tipo la sbarra con tessera personale. Ma la questione più delicata di cui la commissione si è occupata è la nostra amata ELY che, zitta zitta, sta facendo sparire il bosco limitrofo alla sede, posiziona bilici con tronchi di legname, scava buche e vuole costruire una centrale elettrica. Tutte cose strane per una connotazione dell’area a soli uffici e per un capannone dedicato allo stoccaggio di materiale nuovo. Non è che il nostro amato Sindaco e il C.E.O. di Ely, che sappiamo essere in ottimi rapporti, hanno entrambi un passato da marinaio alle spalle! Non ci stancheremo mai di ricordare a tutti che non ci siamo mai fidati delle promesse fatte da società come queste continuando a vigilare, per quanto possibile, sugli sviluppi della situazione, ricordiamo che questi signori possono fare quello che vogliono in qualsiasi momento estraendo dalla tasca della giacca la P.A.S.!!!
Ricordate che, nel periodo di elezioni, magicamente affiorano tutti i buoni propositi, arrivano promesse su tutto, anche su tematiche spesso ignorate per buona parte del loro mandato istituzionale. Si odono, come accaduto ad Ulisse, le sirene che parlano di attenzione per l’ambiente, preoccupazione per la salute pubblica, sul disinquinamento del fiume Olona, sugli aiuti alle persone in difficoltà.
Quelli che ascoltavano le dee canore dell’Odissea finivano male perdendo la vita, noi invece non saremo cosi sfortunati, ma perderemo potere decisionale, la dignità di cittadini e la possibilità di utilizzare lo strumento più importante che abbiamo ereditato da chi ha combattuto per conquistarlo: la Democrazia. Diffidate di questi politi.canti, appena rieletti continueranno a farsi gli affari loro, rispondendo alle segreterie di partito. Del resto fino ad oggi di concreto cosa hanno fatto? Poco o niente.
Per loro vale il motto napoletano: "chi ha dato ha dato, chi ha avuto ha avuto…" e quelli che hanno avuto sono sempre loro!!
.....e speriamo che STANOTTE NON NEVICHI

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...RACCONTI..... DAL LIBRO DELLA GIUNTA: BASTANO POCHE BRICIOLE, LO STRETTO INDISPENSABILE

lunedì 6 gennaio 2014

CICLOCROSS STELLA COMETA NELL' ANNO DELLA CITTÀ EUROPEA DELLO SPORT.....PERÓ ARRIVANO I RE MAGI

Il 2013 si è concluso e vogliamo ripercorrere mentalmente quello che d’importante è avvenuto sia a livello nazionale, ma, soprattutto, su base locale.
L’anno si è aperto a Solbiate Olona con l’incontro pubblico sul tema Ely, voluto dalle forze politiche di minoranza, PD e Solbiate Olona 5 Stelle per evitare il pericolo biomassa a casa nostra. L’impegno preso durante la serata, sia dal nostro Sindaco sia  dalla dirigenza della società, ci lascia relativamente tranquilli ma, allo stesso tempo, accorti (fidarsi è bene , non fidarsi è meglio).
Le elezioni  politiche nazionali del 24 e 25 Febbraio 2013 sanciscono la vittoria del M5S come primo partito con il 25,56% dei voti. Solbiate Olona ci ha dato soddisfazione apportando 740 voti. Dopo l’insediamento  al governo dei nostri portavoce sono iniziate a uscite dai palazzi del potere informazioni molto dettagliate su come funziona  il sistema corrotto e mafioso dei partiti che ci governano. Ognuno tragga le proprie considerazioni, che speriamo siano usate nella maniera migliore quando saremo chiamati alle urne sia a livello locale sia a quello nazionale!
Anche da noi è stato approvato il PGT, in altre parole  Piano del Governo per il Territorio, che sulla carta dovrebbe essere partecipato, cioè costruito con il contributo di tutti, ma in realtà è stato pensato, pianificato e approvato solamente dall’attuale giunta (con la regola dei quattro gatti).  Una piccola soddisfazione è stato il pronunciamento  della Provincia che ha fatto seguito  all’iniziativa avviata da diverse persone unito al nostro modesto contributo, di salvare il querceto,area AT3, che altrimenti sarebbe stato raso al suolo.

Sui temi ambientali siamo stati intransigenti .Oltre a incalzare il comune su Elcon e acqua pubblica,  abbiamo seguito tutti gli incontri dedicati al fiume Olona, come salvarlo e in quanto tempo farlo, filmando e assistendo a tutti gli incontri che sono stati organizzati dai vari comuni, Gorla Maggiore,Solbiate Olona, Marnate. Ci siamo convinti che il personaggio principale di queste serate, l’avv. Marsico, ricordiamo famoso per il suo quiescente impegno ambientale in Provincia di Varese, non avrebbe sortito nessun effetto con i suoi improponibili tavoli di lavoro e cabine di regia, e ve lo abbiamo detto. Siamo stati criticati talvolta in modo subdolo, anche attraverso chat chiuse formate da convinti paladini dell’ambiente spalleggiati da giornalisti locali.



Siamo stati critici verso chi organizza il Girinvalle, le Pro Loco,  che riteniamo sensibili al tema ambiente solo se fatto a modo loro e a tempo determinato, attirandoci  altre critiche, sempre dai soliti noti. 
È di pochi giorni fa la notizia che la Regione non stanzia fondi per il progetto Olona se non per le sponde. Questo ci dispiace ma avvalora la nostra tesi della “sola” da parte di chi ha incantato tanti boccaloni. Indovinate chi è?
 
È stata protocollata la richiesta  al Sindaco perché il nostro Comune aderisca al “Patto dei Sindaci” per l’efficienza energetica e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili nei loro territori.Siamo stati a trovare un’imprenditrice locale, la Sig.ra Marcora proprietaria dell’ex cotonificio Ponti, che ha fatto una scelta importante, abbracciando il business del solare che non ha effetti  sulla nostra salute né sull’ambiente. Questo  per  far capire a tutti, amministrazione comunale compresa, la grande diversità che passa tra un progetto  fotovoltaico e un progetto a biomassa o biogas in stile Ely o Sebigas.
Penultima riflessione, non per importanza, è la contraddizione tra l'assegnazione al comune di Solbiate Olona dell' "EUROPEAN TOWN OF SPORT 2014" e la perdita del suo fiore all'occhiello: il "CICLOCROSS DELL'EPIFANIA", noto e riconosciuto in ambito internazionale, sicuramente uno dei vanti della cittadinanza sportiva solbiatese...e non solo!

Finiamo spendendo due righe sul consiglio comunale pre natalizio;
Stride l’Inizio a lume di candela e microfoni muti quando all’ordine del giorno vi era l’acquisizione dell’illuminazione pubblica da parte del comune da parte di ENEL Sole, sarà un presagio?
-La continuazione della gestione (in-house) di SolbiateOlonaServizi (anche per il servizio idrico), perché rientra nelle società! per lo stato,  in ordine con il bilancio per le municipalizzate
-La riscossione, con riserva, da parte del comune da ENEL Sole e relative considerazioni nostre su come fare e ipotesi interrogative da chi verranno effettuate.

di seguito i link del consiglio comunale:

consiglio comunale del 20 dicembre 2013









Terminiamo facendovi partecipi di quello che ci piacerebbe avvenisse:

Ci piacerebbe un territorio pulito, senza aspettare delle scadenze improponibili, ne va della salute di ognuno di noi, piazze e campi da tennis potrebbero anche aspettare.

Ci piacerebbe un popolo più aperto di mentalità che pensi in maniera indipendente e abbia senso critico, gli schieramenti non aiutano a crescere. Cambiare idea o comportamento a volte è segno di maturità e di civiltà. Perché non possiamo pensare a una società migliore?

Ci piacerebbe non vedere nelle nuove aziende  insediate nel nostro territorio  un nemico da combattere  ma una fonte di crescita per il territorio, un valore aggiunto alla reddittività del paese, il motore di una crescita sostenibile.

Ci piacerebbe  che il 2014 sia l'anno della svolta per il nostro Paese che possa ripartire con nuove idee, progetti, costruire qualcosa di moderno, efficiente, competitivo, umano.
E a voi cosa piacerebbe?
Volete farcelo sapere?

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...