DEBITO PUBBLICO

giovedì 25 dicembre 2014



Informiamo che gli incontri degli attivisti di Solbiate Olona riprenderanno martedì 13 Gennaio 2015.
Auguriamo buone feste a tutti!!

giovedì 11 dicembre 2014

FUORI 1.....FUORI 2.....FUORI 3.....LA COERENZA DOV'È?

Una delle prerogative del MoVimento 5 Stelle è la totale condivisione di tutto quello che viene proposto in ambito locale, provinciale, regionale e nazionale, purché sia finalizzato al benessere del cittadino nel suo significato più completo.

Facciamo questa premessa per spiegare a tutte quelle persone, male informate, che attraverso il blog ci hanno catalogati come quelli del CTRL+P.
Ci preme dire a questi signori che nessuno lavora al M.I.T., non c’è bisogno di inventare niente che non sia già alla portata di tutti.
Oggettivamente, nel mondo della politica come in quello della vita di tutti i giorni, non ci si deve calare nei panni dello scienziato, tanti suggerimenti sono già alla portata di tutti; nel MoVimento 5 Stelle è una prassi consolidata lo scambio di informazioni.
Prova ne è quella scarsa attitudine che serve ad attingere ai finanziamenti, in special modo a quelli europei, occasioni poco sfruttate principalmente per la mancanza di preparazione, da parte dell’apparato pubblico.  Per poter fruire di queste opportunità sono nate società di consulenza specializzate, che dietro compenso, cercano per conto del soggetto interessato, le risorse a disposizione, noi lo facciamo a costo zero!
Le idee dicevamo, una qualità che riesce difficile alle opposizioni del nostro comune, da anni ci lasciano a bocca asciutta senza mai partorire una proposta interessante, (pensare che una delle due liste si chiama “Una buona idea”) dimostrazione che quello del copia incolla non è una qualità che riesce a tutti.  Bisogna anche ricordare, per non banalizzare, che le proposte, dopo essere state protocollate, necessitano di una minima competenza per essere sviluppate nelle sedi opportune. Bisogna stare attenti però, la smania di cercare idee originali finisce a volte con trovate che definiremo strampalate, per esemplificare citiamo il progetto di nascondere i piloni del cavalcavia di Pedemontana con opere artistiche, palliativo allo scempio avvenuto nella nostra valle. E’ come se un uomo corteggiasse una signora anziana pensando che da giovane era una bella donna. Un altro esempio? Criticare la costruzione di un impianto a biomassa da parte della soc. Ely Spa e chiedergli di sponsorizzare i salti del fiume Olona.
Tornando alla politica nostrana, non possiamo ignorare quel fenomeno che, come una malattia infettiva, ha colpito le opposizioni e che i latini chiamavano defecti-onis (venir meno ad un impegno). Dopo quella iniziale del capogruppo Colombo Antonello (Buongiorno Solbiate), sono arrivate quelle della  De Simone (Una buona idea) e in questi giorni, quelle obbligate della consigliera Alessia Lazzaretti (Buongiorno Solbiate) resesi necessarie per poter passare alla guida della Pro Loco.
Non vogliamo criticare sempre e comunque ma non si può tacere dopo aver letto le curiose dichiarazioni rilasciate dalla ex consigliera, che intervistata dal giornale La Prealpina ha detto: “Ho scelto la Pro Loco perché posso essere più utile alla comunità, preferisco essere utile sotto il profilo sociale."
Rispettiamo la decisione nei termini ma non nei contenuti.
Noi crediamo che, la carica di consigliere comunale, sotto il profilo politico e sociale, non si possa paragonare a quella in Pro Loco. Con la prima si rappresenta un ideale politico, si firma un contratto con i cittadini in campagna elettorale, successivamente legittimato con i voti alle elezioni. Contestualmente si esercita una responsabilità sociale, sempre in virtù dello stesso contratto dove volontà, idee e suggerimenti scritti nel programma elettorale, sono un punto di riferimento, di speranza, di attenzione, nei confronti di quelle fasce sociali più disagiate della nostra comunità.
Altro discorso è la carica in Pro Loco, che al di la della connotazione che gli si vuole dare, rimane pur sempre una associazione locale nata con scopi di promozione e sviluppo del territorio.
Ci permettiamo di parafrasare la sua dichiarazione e la riformuliamo: “Ho scelto la Pro Loco perchè È PIÙ FACILE essere utili alla comunità"...e soprattutto non trovo più il sindaco Melis che non perde occasione per metterci in difficoltà.
Interpretiamo gli accadimenti con la massima trasparenza, senza bavagli come è nella nostra natura. Questo non ci impedisce di formulare alla sig.ra Lazzaretti i migliori auguri di buon lavoro, sperando che la politica, come dichiarato, rimanga veramente fuori dall’operato di queste associazioni. Così diceva anche la presidente uscente. Noi immaginiamo servirà tanto impegno e tanta fatica nel perseguirlo.
Il nostro gruppo, lontano dai banchi del consiglio comunale, fatica ma non demorde, in contrapposizione a quello che vediamo consumarsi all’interno delle altre liste, cerca di fare il possibile per non deludere quei solbiatesi che ci hanno concesso la loro fiducia alle elezioni di Maggio, portando avanti alcune proposte che ci sembrano interessanti, che al momento sono la Tariffa Puntuale e l’8x1000 all’edilizia scolastica. La prima è stata oggetto di attenzione da parte del sindaco Melis al quale chiederemo un incontro per approfondire la fattibilità.
Ribadiamo la volontà di confronto con chiunque abbia la voglia di sviluppare idee che portino valore aggiunto alla vita del nostro territorio, soprattutto la giunta attuale, senza il supporto della quale, non si va da nessuna parte.

Di seguito i filmati del consiglio comunale avvenuto in data 30.11.2014, dove ancora una volta si è assistito all’ennesimo battibecco tra i protagonisti, questa volta, più delle altre, crediamo premeditata, visto che era presente qualche ex di turno.
Spettacolo poco edificante per i contribuenti.

link consiglio comunale:

consiglio comunale del 30 novembre 2014 1/6
consiglio comunale del 30 novembre 2014 2/6
consiglio comunale del 30 novembre 2014 3/6
consiglio comunale del 30 novembre 2014 4/6
consiglio comunale del 30 novembre 2014 5/6
consiglio comunale del 30 novembre 2014 6/6







Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...

martedì 2 dicembre 2014

PROTOCOLLO RICHIESTA 8X1000 PER L'EDILIZIA SCOLASTICA

In data 28 Novembre 2014 abbiamo protocollato la seguente richiesta avente come oggetto: "Accesso ai fondi 8X1000 per l'edilizia scolastica".





Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.



giovedì 13 novembre 2014

SEGRETARIO E CONSIGLIERE.....SURROGATI.

Si è svolto in data 4 novembre 2014 il consiglio comunale avente il seguente ordine del giorno:

- SURROGA CONSIGLIERE COMUNALE
- SCIOGLIMENTO ANTICIPATO CONVENZIONE DI SEGRETERIA COMUNALE

L'apertura del Sindaco evidenzia un altro tradimento ai cittadini solbiatesi che hanno scelto il loro candidato sindaco poi dimesso, come già evidenziato in precedenza dal nostro gruppo.
Ci farebbe piacere a questo punto, una riconsiderazione del nostro post del 19 giugno 2014 (Secondo mandato Melis e ..... Primo consiglio comunale) attaccato in maniera unanime e vergognosa da tutta l'opposizione, visto che a tutto ciò si aggiunge la perdita di consenso elettorale.
In relazione al secondo punto trattato ci nasce il dubbio, dato che non ci sono comunicazioni in merito, non è che l'accordo era esclusivamente con il segretario Bottari ? e non con il comune di Saronno, come si vuole far credere??

Questo, secondo noi, giustifica il fatto che non ci sia nessun tipo di comunicazione da parte del comune di Saronno, richiesta in maniera formale dall' opposizione.

Infine, un augurio al nuovo consigliere comunale, con la speranza che in futuro la lettura di un discorso, non diventi un'abitudine...come dimostrato dal video qui sotto:


                                                                                                    
link al consiglio comunale:


consiglio comunale del 4 novembre 2014 1/2                          
consiglio comunale del 4 novembre 2014 2/2                 







Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

mercoledì 22 ottobre 2014

"MISS ATTILA" SI E' DIMESSA.....AVANTI UN ALTRO!

 
Non vorremmo iniziare questa riflessione con la frase "lo avevamo detto", ma i fatti che sono avvenuti dal giorno delle elezioni, sono lì a confermare quelle parole.
I consigli comunali vedono il Sindaco utilizzare atteggiamenti beffardi nei confronti delle opposizioni che di contro, dimostrano poca preparazione, appaiono come attori che recitano un copione scritto da altri, sono insicuri e poco preparati (vedi consiglio comunale 22 settembre; previsione bilancio 2014)
Ciò che sconcerta di più è questo continuo sfuggire dalle proprie responsabilità,la sconfitta elettorale ha scatenato una defezione di massa. Il motto sembra ...o faccio il Sindaco o nulla. Prendiamo atto delle dimissioni di un'altra candidata delle scorse elezioni amministrative, la signora Cristina de Simone,che i solbiatesi avevano individuato come candidata sindaco.
Basterebbe guardare cio’che accade nella politica di casa nostra, i suffragi elettorali, non ricalcano mai la politica reale , chi votando la sinistra pensava di avere come antagonista la destra adesso li trova alleati , nominando presidenti senza regolari elezioni popolari .
Speravamo qualcosa di diverso almeno in una realtà piccola come la nostra, ma probabilmente è una verità il proverbio che recita... "tutto il mondo è paese".
Per questo, siamo convinti che nonostante le elezioni amministrative non ci abbiano dato ragione, il nostro comportamento onesto e trasparente nei confronti dei cittadini,passi. attraverso proposte e "fiato sul collo" che filma tutti i consigli comunali,
Questo offre la possibilità a ciascuno di farsi una propria idea , compreso chi amministra e chi si “dovrebbe opporre”.
Il tempo delle scuse e’ FINITO... “open your mind”

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?).Noi neppure.

martedì 30 settembre 2014

LA RESA DEI CONTI

Passato il consiglio comunale del 22 Settembre 2014 vogliamo farvi partecipi di quello che è il nostro pensiero sul recente aumento della pressione fiscale decisa nell'ultimo consiglio comunale, anticipato durante la riunione voluta dal sindaco Melis con tutte le forze politiche locali a Giugno 2014. Per far ciò è obbligo fare un passo indietro e vedere come stavano le casse comunali a maggio 2014, prima delle elezioni:
La relazione di fine mandato per il periodo 2009/2014 in ordine alla situazione finanziaria ed economica evidenzia un margine di manovra in merito alla pressione dei tributi locali e alla possibile disponibilità di risorse fiscali:
  • Per l’IMU un margine di manovra residuo sugli altri immobili dell’1,1 per mille,
     
  • Un ampio margine di manovra è consentito sull’addizionale all’IRPEF applicata attualmente al 2 per mille che può arrivare all’8 per mille
    ,
  • Viene applicata la TARES e il passaggio alla TARI non dovrebbe comportare maggiori oneri a carico dei cittadini e delle imprese per il servizio di igiene ambientale, dato che i costi di gestione sono già coperti.
     
  • In merito alla situazione economica risultante dai rendiconti di gestione degli esercizi 2009/2014 si può verificare dal prospetto alla pag. 14 il passaggio da un disavanzo di € 747.862,00, nel 2009, coperto mediante l’utilizzo dei proventi di concessione edilizia per ottenere l’equilibrio di parte corrente ad un avanzo economico, nel 2013, di € 470.396,00. Probabilmente per l’effetto combinato del rimborso anticipato di un mutuo, come risulta dal prospetto 3.5 a pag. 15 e per l’aumento delle entrate correnti. Infatti, le spese per rimborso di prestiti passano da € 633.312,00, nel 2009, ad € 133.436,00, nel 2013 e le entrate correnti da € 3.448.713,00 ad € 3.839.671,00. Non è possibile, dai dati disponibili, capire se è aumentata inutilmente la pressione tributaria o se l’ente beneficia di entrate correnti straordinarie
    .
  • La situazione finanziaria complessiva è fortemente positiva per un accumulo di risorse precedenti l’esercizio 2009 che consentono di ottenere un avanzo di amministrazione al 31.12.2013 pari ad € 1.455.618,00 di cui € 1.319.814,00 risultavano già nel rendiconto 2009 vedi pag. 15.

         Le spese fisse risultano molto basse infatti:
  • L’ammortamento dei mutui, incidono per € 227.683,00 pari al 7,04% delle spese correnti totali.
  • Le spese di personale, pari al 20,80% nel 2013.
  • Pertanto, la spesa corrente dovrebbe risultare abbastanza modificabile in
    riduzione. 
  • L’indebitamento si riduce in maniera consistente ma resta comunque alto per la dimensione demografica del comune. Infatti, lo stock di debito residuo passa da € 4.137.659,00 nel 2009 a € 3.127.393,00 nel 2013 vedi prospetto a pag. 18.

Per correttezza di informazione dobbiamo dire che, il sindaco rieletto, era già a conoscenza della riduzione di trasferimenti previsti dalla legge 147 del 2013 prima delle elezioni ma, la notizia, che i cittadini avrebbero dovuto pagare più tasse, non e trapelata in campagna elettorale. Ora che è stato rieletto chiede alle minoranze e a chi non siede in consiglio di condividere questo onere, che non avrebbe chiesto se invece le tasse fossero state da ridurre, perché se ne sarebbe fatto un vanto.La posizione del Movimento 5 Stelle è quello di fare gli interessi dei cittadini, pertanto prima di ogni aumento di tasse è necessario che l'amministrazione attui tutti i tagli possibili sulle spese di gestione inutili e non giustificati dal punto di vista del cittadino.Detto questo passiamo alla analisi ragionata dei conti in base alle informazioni che lo stesso Sindaco ci ha fornito, premesso che servirebbe il bilancio di previsione 2014, per sapere dove economizzare, ma temiamo che non sia stato ancora predisposto.Tenuto conto della relazione di fine mandato, guardando il file " QUADRI RIASSUNTIVI" alla VI pagina, si trovano le entrate 2013 pari a euro 3.844.916,06 e le relative uscite per spese correnti euro 3.242346.37, per spese rimborso prestiti euro 133.435,67.Da questo si evince che esiste un avanzo di gestione di euro 469.134,02 che copre il ridotto trasferimento dallo Stato. Pertanto permanendo uguali le spese, anche se le entrate nel 2014 si riducono di 400.000, il bilancio pareggia ugualmente e non è necessario alcun aumento della tassazione. Da tener presente che, come dalla analisi di fine mandato, L'IRPEF e già allo 0,2 % e non è da modificare, mentre la Tasi non deve essere applicata, dato che il bilancio pareggia e la normativa vigente richiede il pareggio. L unica incognita sono le spese correnti che intendono aumentare nel 2014 o se non le hanno già inserite nello schema di bilancio preventivo 2014 da approvare.Da questa modesta analisi si percepisce che la nuova amministrazione richiede un aumento di pressione fiscale di euro 400.000 per spese correnti probabilmente non necessarie e queste nuove eventuali spese possono essere viste solo dallo schema di bilancio di previsione 2014. (Ci siamo accorti che sui bilanci che abbiamo in possesso non si vede la firma del responsabile finanziario, ma per legge non dovrebbe esserci?)Non comprendiamo neppure l'atteggiamento del Sindaco che, prima chiama tutte le forze politiche al capezzale del bilancio comunale, le coinvolge, poi rilascia interviste alla stampa snocciolando gli aumenti a carico della comunità solbiatese, senza aver sentito eventuali pareri o suggerimenti di chi ha chiamato in causa.Restiamo frastornati e non sappiamo cosa pensare, ma il nostro contributo lo abbiamo portato avanti ugualmente, mettendo i solbiatesi nelle condizioni di valutare quello che sarà l operato della giunta comunale.Come al solito le opposizioni, sono poco incisive con il sindaco, apportano solo precisazioni, scadendo nei soliti battibecchi, episodi che non fanno altro che rafforzare e semplificare il compito di chi amministra. Consigliamo di concentrarsi su progetti e obiettivi, se ne hanno, che possano essere dibattuti in consiglio, lasciare rancori e veleni fuori dalla casa comunale, i solbiatesi vi hanno votato per sentire proposte concrete.Il nostro concetto di opposizione è diametralmente contrapposto al vostro comportamento. Crediamo che il bene della comunità sia’ il fine che tutti dovrebbero perseguire, restando disponibili al confronto con chiunque senza preconcetti di qualsiasi genere. Le battaglie si fanno a colpi di idee, limitarsi a distruggere le proposte altrui non giova a nessuno. In questa, come nella passata legislatura, vediamo solo frustrazione e rancore tra i banchi dell’opposizione. Noi del MoVimento 5 Stelle siamo stati tacciati di essere filo Melis, solo perché’ siamo aperti al dialogo. Nessuno si illuda, non siamo alleati di nessuno, ci piacciono il confronto e le proposte concrete da discutere con chiunque, peccato che qualcuno mostri solo prevenzione e presunzione.Con l’occasione, precisiamo alla sig.ra De Simone che non esiste un verbale ufficiale della riunione di Giugno, dato che chiunque poteva prendere appunti su quello che è stato detto in quella sede. Una nostra rappresentante lo ha fatto, poteva farlo anche lei, glielo ha forse impedito qualcuno?

Solbiate Olona 5 Stelle.

P.S. Un ringraziamento speciale alla sig.ra Emilia.     



Di seguito i link dei consigli comunali:

Consiglio comunale del 09 settembre 2014         



Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?).Noi neppure.

giovedì 26 giugno 2014

MOZIONE: "TARIFFA PUNTUALE CON UN RISPARMIO REALE"


In data 25 Giugno 2014 abbiamo protocollato una mozione avente come oggetto: "Adozione della tariffa puntuale per il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani".


 

       

 
Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...

mercoledì 25 giugno 2014

COME ESASPERARE UN CONCETTO

Dopo anni di pubblicazioni sul nostro blog, commentando eventi che sono avvenuti nel nostro comune e dopo oltre 24.000 click, per la prima volta ci tocca far comprendere meglio un nostro post che è stato incompreso, strumentalizzato e manipolato.
Il senso della nostra riflessione è che bisogna prendere atto della realtà dei fatti avvenuti, nonostante la ventennale esperienza politica, la precedente opposizione, rappresentata dai due ex sindaci, non è stata in grado di tener testa alla giunta. Pertanto l'incriminata frase "pret a porter" non era rivolta alla sfera femminile bensì alle competenze politiche. Vi invitiamo a rileggere con questo spirito il post, senza fossilizzarvi su quell'unica frase.
Vogliamo inoltre informare che a seguito di questa strumentalizzazione, si sono verificati eventi ben più gravi, intimidazioni ed addirittura minacce nei nostri confronti.
La struttura del MoVimento 5 Stelle non è piramidale come in tutti gli altri partiti, di conseguenza rivolgersi a consiglieri regionali non sortisce nessun effetto.
Ricordiamo per l'ENNESIMA volta che i post e le risposte non sono firmati in quanto NON INDIVIDUALI ma discussi e APPROVATI da TUTTO IL GRUPPO.

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...

giovedì 19 giugno 2014

SECONDO MANDATO MELIS E.....PRIMO CONSIGLIO COMUNALE

Cari concittadini, gli attivisti del MoVimento 5 Stelle di Solbiate Olona vogliono ringraziare tutti quelli che hanno creduto in noi votandoci, e analizzare il risultato delle elezioni, ripercorrendo gli accadimenti avvenuti dopo il risultato elettorale che riguardano i protagonisti delle liste concorrenti.
La vittoria del sindaco Melis sembrava meno scontata del previsto, il comportamento tenuto durante il suo mandato ha attirato le ire di molti, in particolare degli ex appartenenti alla ProCiv. locale e associazioni varie.
Per noi il quinquennio di Melis non è stato brillante, ha compiuto diversi errori (vedi fallimento piscina, PGT, compensazioni da Pedemontana) avvicinato il pericolo biomassa e disattendendo progetti come, rifiuti zero e patto sindaci, che noi riteniamo importanti passi verso una minor pressione fiscale per il paese, e un avvicinamento alle direttive comunitarie.
Sul tema acqua pubblica si è salvato in extremis, dopo aver rimediato una poco brillante figura all’assemblea dei sindaci della provincia di Varese, dove, assieme a tanti Suoi colleghi è sembrato poco informato su quello che d’importante si decideva, concedendo alla Solbiate Olona Servizi la gestione della nostra acqua per il prossimo quinquennio.
Adesso la nuova amministrazione si dovrà confrontare con le nuove opposizioni che voi, cittadini, avete eletto a rappresentarvi in consiglio comunale.
Peccato che, il sig. Colombo Antonello, dopo la pesante sconfitta si sia dimesso, dimostrando palesemente che sua unica mira era prendersi la poltrona di primo cittadino e il suo bello stipendio.

Quella di lasciare pavidamente tutto in mani altrui non era scritta sul programma elettorale. L’esperienza ventennale che tanto vantava sarebbe servita anche nei panni di consigliere per contrastare le azioni della giunta. No, non vale la pena, lascio il cerino in mano a qualcun altro.
Chi troveremo seduto in consiglio allora? 
Notiamo la maggior presenza femminile e giovanile, che ci siano i presupposti per una politica nuova che abbandoni i soliti noti? 
Nonostante i buoni propositi e gli intenti esposti dal consigliere Brogin, emergono le stessi menti. Pensiamo al sig. Bianchi, altro elemento di provata esperienza? 
No, neppure lui se la sente di sacrificare la propria persona per pochi euro, allora chi ha votato “Buongiorno Solbiate” su quale capitale umano può contare? 
Con una certa sorpresa troviamo le Sig.re Sonia Tisano e Alessia Lazzaretti e il signor Lorenzo Brogin.
Chi ha votato quella lista ha ragione di amareggiarsi e non poco, con tutto il rispetto, le signore
in questione le potremmo apprezzare se in consiglio comunale si discutesse di “pret à porter”, mentre la politica, in questo caso opposizione, è un’altra cosa. I comandanti hanno abbandonato la nave e rimangono le seconde linee. Auguri!
Comunque non affliggetevi, rimane ancora qualcuno che può vantare cinque anni di presenza tra i banchi della giunta come assessore all’urbanistica che risponde alla candidata sindaca della buona idea, De Simone Cristina, la quale provenendo dalla squadra del Sindaco, partirebbe avvantaggiata, conoscendo bene la controparte e quello che ha fatto nel quinquennio. La persona giusta al posto giusto, diranno i suoi elettori, che può contrastare al meglio l’operato del primo cittadino?.
Speriamo che sia così, che la sig.ra De Simone non rinunci all’incarico di consigliere, visto che abita molto lontano e venire tutte le volte che c’è un consiglio comunale diventa oneroso. Siamo sicuri che mantenga tutte le promesse fatte in campagna elettorale in termini di caparbietà, determinazione e voglia di servire il paese.
Adesso vi facciamo una domanda: Secondo voi le idee che si propongono in campagna elettorale devono essere portate avanti qualunque ruolo si abbia, oppure si abbandonano se si perdono le elezioni? Perché qua appare evidente la volontà di mirare solo alla poltrona di primo cittadino, posizione che permette indubbi benefici ma, se questo sogno va in fumo, mollo tutto e arrangiatevi.
Lasciamo per ultimo le notizie di defezioni importanti nella ProLoco legate alla lista trombata, ulteriore segno che il volontariato non era disinteressato ma tutt’altro, curato e asservito all’unico scopo di fungere da bacino di voti.
E noi? Non ci avete dato la fiducia, la riteniamo un’occasione sprecata da entrambe le parti, rimaniamo cittadini attivi, con le idee chiare su quello che dovrà fare la nostra amministrazione durante questi anni, sappiamo che il nostro compito è difficile da fuori, ma non demordiamo, continueremo a pungolare chi di dovere perché faccia, quanto ha promesso, cercando di portare avanti anche le nostre idee.
A noi non interessano i posti di comando, non cerchiamo emolumenti solo per il mero scopo di guadagnare di più, a noi interessano i progetti che possano far crescere questo paese, migliorarlo e farlo uscire dalla staticità mentale in cui siamo stati abituati.

Ognuno ha ciò che si merita, dice il proverbio.....

Rinnoviamo la nostra presenza al Consiglio Comunale, rivelatosi confusionario e blando sia nei fatti che nei contenuti alleghiamo come consuetudine i link:


consiglio comunale del 05 giugno 2014  1/4
consiglio comunale del 05 giugno 2014  2/4
consiglio comunale del 05 giugno 2014  3/4
consiglio comunale del 05 giugno 2014  4/4







Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...
 

mercoledì 21 maggio 2014

IL "DEBATE" A 5 STELLE

Il nostro modo di fare politica si basa sul contatto diretto con le persone attraverso i banchetti che abbiamo organizzato da sempre, ma in special modo da Febbraio ad oggi.
I commenti del tipo "chiedendo le firme ai cittadini date segno di debolezza" cit. Melis o "se sarò eletto non chiederò mai il parere dei solbiatesi" cit. Bianchi, denotano l'incapacità ormai cronica della politica tutta di non sapersi rapportare con i cittadini, che i loro programmi elettorali considerano indispensabili solo per il periodo elettorale, terminato il quale li relegano in un angolo.
Vorremmo ricordare che il nostro programma è stato il primo ad essere presentato in comune, contiene idee innovative per Solbiate Olona e, probabilmente, ha ispirato ed aperto menti fino ad oggi ottuse e aride su temi che ci vedono, purtroppo, già in ritardo con la storia.
Sappiamo benissimo che in campagna elettorale si può dire di tutto e di più, ma poi ciò che conta è dimostrare coerenza tra quello che si promette e l'impegno con cui lo si porta avanti per mantenerlo, caratteristica che ci contraddistingue dai nostri competitor.
Di seguito, solo per esemplificare, alcune performances di ipocrisia politica compiute dalle persone ritenute capaci di tenere un confronto pubblico:

- La giunta Melis approva il Pgt in seconda convocazione del consiglio comunale con la "norma dei 4 gatti".
 ignorando la partecipazione dei cittadini. Le opposizioni gridano vergogna!

-La giunta Bianchi approva il Piano Integrato d'Intervento per l'area Ex Rovelli con "la norma dei 4 gatti".
 L'opposizione, tramite il consigliere Melis, si lamenta per la mancata partecipazione popolare alla decisione.

-L'ex assessore all'urbanistica Cristina  De Simone, accusa il suo ex sindaco di aver approvato il PGT  senza la consultazione popolare. A quel tempo, per la volontà di abbattere l'area denominata AT3,, viene soprannominata "Miss Attila" dal PD locale, che adesso è all'interno della stessa lista. Oggi la De Simone si dice addolorata per il mancato supporto dei solbiatesi ma, non sembrava della stessa idea quando ha scritto su la "Voce Solbiatese".  Lacrime di coccodrillo!

Chiudiamo citando un proverbio popolare molto conosciuto e dedicato a tutti gli anonimi che ci seguono con assiduità: "Ride bene chi ride ultimo".


Non vi chiediamo voti, non li abbiamo mai chiesti, vi chiediamo solo di informarvi, se lo farete, votare il MoVimento 5 Stelle sarà naturale.



Buona giornata di voto.




Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...
 


martedì 28 gennaio 2014

RACCONTI.....DAL LIBRO DELLA GIUNTA: BASTANO POCHE BRICIOLE, LO STRETTO INDISPENSABILE

Da qualche giorno girano notizie su svariati temi che, per diverse motivazioni, interessano il nostro territorio e sui quali, come gruppo 5 Stelle, ci siamo già soffermati facendovi partecipi del nostro pensiero.
Per fare un poco di chiarezza partiremo dagli aiuti alla persona, compito assolto dal settore Servizi Sociali che ha l’incarico istituzionale di attivare nel territorio le politiche sociali e tra gli obiettivi prioritari perseguiti dal settore c’è quello di garantire il sostegno a persone o famiglie in situazione di disagio e marginalità sociale. Nel nostro ultimo post abbiamo contestato le incongruenze della giunta Melis rispetto ai 429.000 euro di surplus in entrata dovuti al fondo di perequazione, che prevedeva la realizzazione di campi da tennis oltre a spese varie più o meno condivisibili. Niente si diceva per le 80 famiglie di cui almeno 30 in disperato bisogno di aiuto, come comunicato anche dalla Caritas locale.
Fa piacere quindi leggere dalle pagine del grande quotidiano "La Prealpina" che l’assessore ai servizi sociali Aspesani, finalmente, si accorgesse che ci sono delle situazioni di grande disagio a Solbiate.

Per fortuna, come da noi fortemente auspicato, sono arrivati 10.000 euro che, non sappiamo se siano il massimo che si può destinare, ma almeno sono un inizio. Vale la pena di ricordare che nessuna azione di rilievo è stata fatta su questa triste problematica dalle pseudo opposizioni, specialmente quelle filo cattoliche, le quali non si sono accorte del grave problema o non hanno voluto accorgersene, limitandosi a seguire piccoli interventi di ritocco e cesello ai regolamenti durante i consigli comunale. D’altra parte queste voci di spesa sono generalmente mal digerite dalle amministrazioni comunali, perché? Semplice, non hanno cassa di risonanza, consumano risorse di cassa e non possono essere pubblicizzate più di tanto per evidenti motivi, perciò non sono di facciata, non mettono in risalto l’opera chi amministra ma soprattutto non portano voti per la campagna elettorale!! Vuoi mettere una bella piazza ristrutturata o dei bei marciapiedi oppure campi da tennis coperti e riscaldati a beneficio di qualche personaggio importante del paese? Non ci sono paragoni in termini di visibilità! In campagna elettorale tutto può accadere, infatti improvvisamente ti spunta fuori la commissione ambiente, che, a pochi mesi dalle elezioni, punta il dito contro Melis (strano, il presidente è il sig. Viganò!) e porta all’attenzione della comunità diverse problematiche di carattere ambientale. La prima è l’amianto scoperto in zona cimitero e vicino alla piazzola ecologica che, al contrario di quello trovato seppellito nei terreni della fonderia Bianchi, non ha paternità. La seconda, meno allarmante diremo, la spazzatura che deturpa alcune vie del paese. In questo specifico caso la soluzione è abbastanza semplice, basta un maggiore rispetto degli orari di conferimento fuori della porta di casa, ritiro di prima mattina da parte dell’operatore ecologico e una maggiore attenzione da parte di tutti al rispetto delle regole scritte.
Cogliamo l’occasione per informare il Sindaco e la commissione ambiente che la nostra piazzola ecologica è l’unica tra i paesi limitrofi dove chiunque non residente a Solbiate può entrare senza essere identificato e lasciare in discarica qualsiasi cosa arrivi da fuori paese. Speriamo si possa rimediare a questa leggerezza, adottando accorgimenti già in uso altrove, tipo la sbarra con tessera personale. Ma la questione più delicata di cui la commissione si è occupata è la nostra amata ELY che, zitta zitta, sta facendo sparire il bosco limitrofo alla sede, posiziona bilici con tronchi di legname, scava buche e vuole costruire una centrale elettrica. Tutte cose strane per una connotazione dell’area a soli uffici e per un capannone dedicato allo stoccaggio di materiale nuovo. Non è che il nostro amato Sindaco e il C.E.O. di Ely, che sappiamo essere in ottimi rapporti, hanno entrambi un passato da marinaio alle spalle! Non ci stancheremo mai di ricordare a tutti che non ci siamo mai fidati delle promesse fatte da società come queste continuando a vigilare, per quanto possibile, sugli sviluppi della situazione, ricordiamo che questi signori possono fare quello che vogliono in qualsiasi momento estraendo dalla tasca della giacca la P.A.S.!!!
Ricordate che, nel periodo di elezioni, magicamente affiorano tutti i buoni propositi, arrivano promesse su tutto, anche su tematiche spesso ignorate per buona parte del loro mandato istituzionale. Si odono, come accaduto ad Ulisse, le sirene che parlano di attenzione per l’ambiente, preoccupazione per la salute pubblica, sul disinquinamento del fiume Olona, sugli aiuti alle persone in difficoltà.
Quelli che ascoltavano le dee canore dell’Odissea finivano male perdendo la vita, noi invece non saremo cosi sfortunati, ma perderemo potere decisionale, la dignità di cittadini e la possibilità di utilizzare lo strumento più importante che abbiamo ereditato da chi ha combattuto per conquistarlo: la Democrazia. Diffidate di questi politi.canti, appena rieletti continueranno a farsi gli affari loro, rispondendo alle segreterie di partito. Del resto fino ad oggi di concreto cosa hanno fatto? Poco o niente.
Per loro vale il motto napoletano: "chi ha dato ha dato, chi ha avuto ha avuto…" e quelli che hanno avuto sono sempre loro!!
.....e speriamo che STANOTTE NON NEVICHI

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...RACCONTI..... DAL LIBRO DELLA GIUNTA: BASTANO POCHE BRICIOLE, LO STRETTO INDISPENSABILE

lunedì 6 gennaio 2014

CICLOCROSS STELLA COMETA NELL' ANNO DELLA CITTÀ EUROPEA DELLO SPORT.....PERÓ ARRIVANO I RE MAGI

Il 2013 si è concluso e vogliamo ripercorrere mentalmente quello che d’importante è avvenuto sia a livello nazionale, ma, soprattutto, su base locale.
L’anno si è aperto a Solbiate Olona con l’incontro pubblico sul tema Ely, voluto dalle forze politiche di minoranza, PD e Solbiate Olona 5 Stelle per evitare il pericolo biomassa a casa nostra. L’impegno preso durante la serata, sia dal nostro Sindaco sia  dalla dirigenza della società, ci lascia relativamente tranquilli ma, allo stesso tempo, accorti (fidarsi è bene , non fidarsi è meglio).
Le elezioni  politiche nazionali del 24 e 25 Febbraio 2013 sanciscono la vittoria del M5S come primo partito con il 25,56% dei voti. Solbiate Olona ci ha dato soddisfazione apportando 740 voti. Dopo l’insediamento  al governo dei nostri portavoce sono iniziate a uscite dai palazzi del potere informazioni molto dettagliate su come funziona  il sistema corrotto e mafioso dei partiti che ci governano. Ognuno tragga le proprie considerazioni, che speriamo siano usate nella maniera migliore quando saremo chiamati alle urne sia a livello locale sia a quello nazionale!
Anche da noi è stato approvato il PGT, in altre parole  Piano del Governo per il Territorio, che sulla carta dovrebbe essere partecipato, cioè costruito con il contributo di tutti, ma in realtà è stato pensato, pianificato e approvato solamente dall’attuale giunta (con la regola dei quattro gatti).  Una piccola soddisfazione è stato il pronunciamento  della Provincia che ha fatto seguito  all’iniziativa avviata da diverse persone unito al nostro modesto contributo, di salvare il querceto,area AT3, che altrimenti sarebbe stato raso al suolo.

Sui temi ambientali siamo stati intransigenti .Oltre a incalzare il comune su Elcon e acqua pubblica,  abbiamo seguito tutti gli incontri dedicati al fiume Olona, come salvarlo e in quanto tempo farlo, filmando e assistendo a tutti gli incontri che sono stati organizzati dai vari comuni, Gorla Maggiore,Solbiate Olona, Marnate. Ci siamo convinti che il personaggio principale di queste serate, l’avv. Marsico, ricordiamo famoso per il suo quiescente impegno ambientale in Provincia di Varese, non avrebbe sortito nessun effetto con i suoi improponibili tavoli di lavoro e cabine di regia, e ve lo abbiamo detto. Siamo stati criticati talvolta in modo subdolo, anche attraverso chat chiuse formate da convinti paladini dell’ambiente spalleggiati da giornalisti locali.



Siamo stati critici verso chi organizza il Girinvalle, le Pro Loco,  che riteniamo sensibili al tema ambiente solo se fatto a modo loro e a tempo determinato, attirandoci  altre critiche, sempre dai soliti noti. 
È di pochi giorni fa la notizia che la Regione non stanzia fondi per il progetto Olona se non per le sponde. Questo ci dispiace ma avvalora la nostra tesi della “sola” da parte di chi ha incantato tanti boccaloni. Indovinate chi è?
 
È stata protocollata la richiesta  al Sindaco perché il nostro Comune aderisca al “Patto dei Sindaci” per l’efficienza energetica e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili nei loro territori.Siamo stati a trovare un’imprenditrice locale, la Sig.ra Marcora proprietaria dell’ex cotonificio Ponti, che ha fatto una scelta importante, abbracciando il business del solare che non ha effetti  sulla nostra salute né sull’ambiente. Questo  per  far capire a tutti, amministrazione comunale compresa, la grande diversità che passa tra un progetto  fotovoltaico e un progetto a biomassa o biogas in stile Ely o Sebigas.
Penultima riflessione, non per importanza, è la contraddizione tra l'assegnazione al comune di Solbiate Olona dell' "EUROPEAN TOWN OF SPORT 2014" e la perdita del suo fiore all'occhiello: il "CICLOCROSS DELL'EPIFANIA", noto e riconosciuto in ambito internazionale, sicuramente uno dei vanti della cittadinanza sportiva solbiatese...e non solo!

Finiamo spendendo due righe sul consiglio comunale pre natalizio;
Stride l’Inizio a lume di candela e microfoni muti quando all’ordine del giorno vi era l’acquisizione dell’illuminazione pubblica da parte del comune da parte di ENEL Sole, sarà un presagio?
-La continuazione della gestione (in-house) di SolbiateOlonaServizi (anche per il servizio idrico), perché rientra nelle società! per lo stato,  in ordine con il bilancio per le municipalizzate
-La riscossione, con riserva, da parte del comune da ENEL Sole e relative considerazioni nostre su come fare e ipotesi interrogative da chi verranno effettuate.

di seguito i link del consiglio comunale:

consiglio comunale del 20 dicembre 2013









Terminiamo facendovi partecipi di quello che ci piacerebbe avvenisse:

Ci piacerebbe un territorio pulito, senza aspettare delle scadenze improponibili, ne va della salute di ognuno di noi, piazze e campi da tennis potrebbero anche aspettare.

Ci piacerebbe un popolo più aperto di mentalità che pensi in maniera indipendente e abbia senso critico, gli schieramenti non aiutano a crescere. Cambiare idea o comportamento a volte è segno di maturità e di civiltà. Perché non possiamo pensare a una società migliore?

Ci piacerebbe non vedere nelle nuove aziende  insediate nel nostro territorio  un nemico da combattere  ma una fonte di crescita per il territorio, un valore aggiunto alla reddittività del paese, il motore di una crescita sostenibile.

Ci piacerebbe  che il 2014 sia l'anno della svolta per il nostro Paese che possa ripartire con nuove idee, progetti, costruire qualcosa di moderno, efficiente, competitivo, umano.
E a voi cosa piacerebbe?
Volete farcelo sapere?

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...