DEBITO PUBBLICO

martedì 23 aprile 2013

CONSIGLIO CHE VAI …..CAVILLO CHE TROVI

In questo consiglio comunale erano all’ordine del giorno 4 punti che riepilogheremo annotando i vari interventi di rilievo che ci sono stati.

Al primo punto, approvazione dei verbali precedenti, il consigliere di minoranza Colombo interviene a proposito delle delibere n. 6 e 7, dichiarando di aver trovato imprecisioni tra quanto detto in sede di consiglio comunale e i relativi verbali della serata, precisando anche che la richiesta di intervenire sul PGT per poter regolamentare l’uso della PAS, da parte di soggetti privati (vedi ELY), non è istigazione a delinquere ma prevista dalla legge.

Il sindaco non lo degna neppure di replica e passa alla votazione.

Il secondo punto focalizza la richiesta per una farmacia pubblica, avendo ricevuto parere favorevole da parte di Regione Lombardia, si richiede la conferma per portare a termine il progetto. L’opposizione chiede l’atto di indirizzo per poter discutere in consiglio comunale i termini della gestione. Il Sindaco promette alle opposizioni che accetta di rinviare al relativo atto deliberativo consiliare la definizione delle modalità di gestione della nuova farmacia comunale per quanto concerne gli atti di indirizzo, come specificato dal segretario comunale.

Terzo punto, che noi reputiamo di massima importanza, il regolamento comunale per l’accesso e la fruizione dei servizi socio assistenziali che non sono cambiati sostanzialmente, dice l’Assessore Aspesani, avendo lasciato pressochè invariati i dati ISEE, sono stati regolamentati i servizi S.A.D. aumentando le ore di assistenza, i pasti domiciliari e prestando maggiore attenzione alle richieste di ricovero, che sono sottoposte a decisione da parte della giunta.
Interviene il consigliere Colombo che fa notare un banale errore sul numero della delibera che corrisponde a un altro atto e per quanto riguarda le procedure di accesso, successivamente critica i 60 giorni di tempo, ritenendoli troppi, per accogliere o rigettare la richiesta di assistenza per il ricovero in strutture assistenziali, cosi come valuta ingiusta l’automatica esclusione del richiedente se possiede un patrimonio immobiliare. Il Sindaco concede la possibilità di modificare il processo di valutazione inserendo la frase “potrà essere motivo di esclusione”.

Altra grande vittoria dell’opposizione si ha nel quarto punto, approvazione regolamento consulta sportiva, quando per voce di Colombo chiede di modificare l’art. 8 del regolamento alla voce “tre membri sono nominati dalla giunta di cui uno rappresentante la minoranza” viene chiesto di modificare in “proposto dalla minoranza”. Il Sindaco concede la possibilità della rettifica.
Non crediamo che questi comportamenti volti ad ottenere le briciole possano essere chiamati seria opposizione, con questo comportamento apatico e perditempo il mandato del Melis è filato liscio senza nessun ostacolo, ci pare di capire che si campa fino alle nuove elezioni.

Speriamo che i solbiatesi vedano i filmati su ”Youtube” come dice Colombo Antonello, senza mai citare la fonte, per accorgersi di quello che sanno fare i loro rappresentanti in consiglio comunale.

Noi attendiamo sulla sponda del fiume, per il momento è passato il cadavere del PD. Ma siamo fiduciosi, le sorprese non finiscono mai. 

di seguito i link del consiglio comunale:
consiglio comunale del 17 aprile 2013  1/2
consiglio comunale del 17 aprile 2013  2/2

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...

Nessun commento:

Posta un commento