DEBITO PUBBLICO

sabato 14 aprile 2012

VERGOGNA, LO DICIAMO NOI!........................(e tutti i solbiatesi onesti)

link video: consiglio comunale del 13.04.2012

Vergogna! Con questa esclamazione gridata dai banchi dell’opposizione è terminato ieri sera un altro consiglio comunale lampo, il secondo in termini di durata.
L’ordine del giorno verteva sulla adozione del PGT tornato alla ribalta dopo la sospensione, decisa la volta scorsa dal sindaco, per conflitto di interessi. Non è stato detto come e se siano stati risolti questi conflitti e chi erano i soggetti interessati fatto sta che tutto si è concluso con un nulla di fatto per mancanza del numero legale e rinviando la decisone in seconda convocazione a Lunedi 16 Aprile, il perché di questo comportamento potrebbe trovare la risposta in questo articolo: “L’art. 127, comma 1 del R.D. 4/2/1915 n. 148 prevede che “i consigli comunali non possono deliberare se non interviene la metà dei consiglieri assegnati al comune; però, alla seconda convocazione che avrà luogo in altro giorno, le deliberazioni sono valide, purché intervengano almeno quattro membri”. La norma è detta “dei quattro gatti”, perché consente ad un numero davvero ridotto di assumere deliberazioni anche a contenuto strategico.”

Pensare che nella vicina Fagnano Olona la popolazione è chiamata a dare il proprio contributo al PGT partecipato presenziando ad assemblee pubbliche come si puo leggere sul tabellone luminoso posto in piazza A. Di Dio.
Per tornare alla serata di ieri, l’opposizione consegna al pubblico presente in sala un documento chiamato “arringa” pronto da leggere, sarebbe servito a contrastare l’adozione del piano, ma a noi questo strumento ci pare più un pagliativo, volto a giustificare (come al solito) la cronica mancanza di una convincente opposizione, tanto piu che nel documento si fa accenno al conflitto di interessi di alcuni soggetti della maggioranza e tralascia quelli della stessa opposizione!
Se veramente la seconda convocazione legittimerà una decisione figlia della furbizia e del mancato rispetto delle regole più elementari di democrazia potremo dire che a Solbiate Olona è stato perpetrato un golpe nel torpore generale dei suoi abitanti.
Questi episodi di arroganza politica si manifestano quando il cittadino abbassa la guardia in termini di attenzione verso la componente politica che lo amministra. Di conseguenza si possono creare due scenari:

Il primo è che, acquisito il fatto che i cittadini non si interessano a certe questioni dal momento che sono convinti che tanto non cambia niente, una giunta priva di scrupoli potrebbe fare quello che meglio crede al riparo da occhi indiscreti.


Il secondo è il pericolo che, in presenza di qualche consigliere o assessore onesto, la mancanza di attenzione e partecipazione lo lasci da solo senza armi importanti come il consenso e l’appoggio popolare.

Non ci interessa essere avvicinati da rappresentanti dell’opposizione che cercano di condividere con noi la loro rabbia verso chi oggi amministra, dimenticando che anche loro quando hanno avuto la possibilità di sedere nei banchi della maggioranza non sono stati certo diversi.

Non ci sentiamo più rappresentati da questi signori che siedono in consiglio, sono ormai al capolinea, non esprimono nulla di nuovo o di utile e necessario a questo paese, devono andare a casa prima di fare ulteriori danni!!

Il MoVimento 5 stelle di Solbiate Olona è veramente stufo di assistere a consigli comunali trasformati in teatrini dove si esibiscono, pagati con le nostre tasse, personaggi sbiaditi che incarnano il vecchio e ormai agonizzante “modus operandi” della politica non più in grado di relazionarsi e intuire i bisogni dei propri amministrati. Vergogna lo diciamo noi!.

I solbiatesi sono caldamente invitati a guardarsi il video del consiglio comunale dopodichè devono prendere urgentemente una decisione su quello che vogliono veramente per il loro paese, il che vuol dire alzare il sedere dal divano e venire a darci una mano!

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.
Stay tuned...

Nessun commento:

Posta un commento