DEBITO PUBBLICO

venerdì 2 marzo 2012

PGT PARTECIPATO NEL RISPETTO DELLA LEGGE REGIONALE??? NO, GIA' AI VOTI IN CONSIGLIO COMUNALE

Lunedi 28 Febbraio 2012, si è tenuta una “conferenza pubblica” concernente l'illustrazione a cura dello studio associato Mazzucchelli/Pozzi/Mazzucchelli del nuovo PGT per Solbiate Olona, era presente come sempre, il MoVimento 5 stelle, citati dal Sindaco i“Sigg. GRILLINI”, che muniti di telecamera, hanno ripreso la serata. Evitiamo invece di commentare l'ennesima perla del trasloco della sede “last second”, diciamo solo che sarebbe stato quantomeno buona norma ed educato, scusarsi.

ED ECCO I VIDEO DELLA SERATA...A VOI LE CONSIDERAZIONI!!!
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 1/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 2/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 3/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 4/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 5/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 6/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 7/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 8/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 9/9
*ci scusiamo per la qualità video di alcune parti, ma ci ha visti costretti applicare un effetto, per la mancanza della liberatoria da parte del soggetto interessato.

Abbiamo assistito all'esplicazione di un progetto già in fase di ultimazione e pronto per essere varato in consiglio comunale l'8 Marzo!
 Vi risulta che siano state organizzate serate per concedere la possibilità a tutti di esprimersi e dare un contributo alla stesura del piano? NO!
 Ricordardiamo all'Amministrazione comunale che la legge regionale n. 12 del 11/3/2005 contiene un punto fondamentale: LA PROGETTAZIONE PARTECIPATA cioè:

il primo atto che l'Amministrazione comunale è tenuta a fare quando decide di iniziare la stesura del PGT è informare la cittadinanza che il processo è iniziato. I cittadini o le associazioni di cittadini sono invitati già da questa fase a formulare proposte in merito.
 La differenza rispetto al Piano Regolatore Generale sta nel fatto che in quel caso i cittadini erano chiamati ad esprimersi solo dopo la prima adozione sotto forma di osservazioni al PRG già adottato”

La politica locale tira dritto con i paraocchi, non ha tradito lo spirito autonomo che la contraddistingue, la legge prevede che ci sia la partecipazione di tutti?, me ne infischio, con i soldi pubblici (30.000 € c.ca) appalto la progettazione, impartisco le linee guida e a lavoro ultimato informo i solbiatesi, rimasti in forzato silenzio, che il loro paese si modificherà arbitrariamente in un certo modo.
 Nella stesura di un PGT c'è tanta carne al fuoco, gli interessi sono molti e molteplici e il profitto e la corsa alla edificabilità spesso prendono il sopravvento sul rispetto del territorio e l'ambiente.
 Allo stesso modo forti sono le esigenze dei vecchi potentati locali che vedono una occasione di businnes nella stesura di questi piani.
 Un silenzio da messa domenicale dove chi parlava era il solerte architetto Pozzi il quale ha sciorinato informazioni davanti ad una cartina variegata di colori e una legenda impossibile da leggere a distanza.
 Il rappresentante dello studio si è preoccupato di chiarire che al prossimo incontro che verrà organizzato sul tema gli vengano fatte domande intelligenti (in che senso???).
 Informiamo l'architetto Pozzi che i solbiatesi non sono tutti laureati in ingegneria, quindi al massimo rischierà di dover usare un linguaggio meno tecnico e più comprensibile a tutti, non è un grande sforzo visto che chi gli paga la parcella della consulenza sono proprio loro.
 Chiediamo che alla prossima riunione, semmai ci sarà, partecipi il maggior numero di cittadini, così da poter capire se il progetto in corso sia migliorabile per il nostro territorio, visto che la legge regionale 12, da noi pienamente condivisa, “punta alla “minimizzazione” del consumo di suolo libero secondo una logica di costituzione di politiche virtuose di riuso del territorio, prima di prendere in considerazione l'occupazione di nuove aree da urbanizzare”, cosa che non ci sembra emerso dal progetto appena presentato.

Informiamo che nel frattempo è attivo un sondaggio sulla nostra pagina facebook per esprimere un vostro parere.

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...

Nessun commento:

Posta un commento