DEBITO PUBBLICO

sabato 24 marzo 2012

22 MARZO, CONSIGLIO COMUNALE SPEEDY.....GONZALES

link video:consiglio comunale Solbiate Olona del 22.03.2012

Si è svolto l'altra sera, stile guinness world record, uno dei consigli comunali più veloci della storia di Solbiate Olona, in 6 minuti è stato esperito l’unico ordine del giorno che aveva come oggetto la prossima gara di appalto per la gestione della piscina comunale da parte di privati. Dopo il solito screzio inutile e privo di costrutto tra il sindaco e le opposizioni, la serata ha sancito un imminente prossimo incontro tra i capigruppo per trovare un accordo sulle linee guida dell’appalto.
Dato che la collettività ha erogato il gettone per un consiglio così rapido, ci pareva una buona occasione inserire all’ordine del giorno qualche altro argomento importante da dibattere.
Noi pensavamo che, per dirla alla clericale, sarebbe stata cosa buona e giusta, approfittare dell’occasione per discutere la nostra richiesta di modifica dello statuto comunale per quanto riguarda la gestione dell’acqua bene comune.

Ancora questo tema, dirà qualcuno di voi, sembra un tormentone!

Ci preme sottolineare che la soluzione a questo argomento è tutt’altro che trovata, quello che si sta delineando è una trappola tesa ad arte per raggirare i cittadini.
Purtroppo pochissimi sindaci della provincia di Varese hanno capito il rischio e sono corsi ai ripari.
La nostra preoccupazione deriva dalle parole spese dal sindaco Melis che ci ripete di stare tranquilli perchè le cose non possono andare diversamente da quello deciso dal referendum oppure da quello che accade a Olgiate Olona dove la breve discussione in consiglio comunale fa capire quale disinformazione alberghi nelle teste di chi ci amministra.
Non siamo fiduciosi su questo tema , di conseguenza non ci fermeremo ma soprattutto non ci faremo raggirare da chi volendo disconoscere le motivazioni che ci spingono ad essere preoccupati proferisce quelle parole che non fanno altro che alimentare ulteriori dubbi.
In questo momento di crisi profonda sarebbe corretto e onesto guadagnarsi il gettone di presenza conducendo consigli comunali costruttivi affrontando, discutendo e trovando le soluzioni migliori per la collettività, cercando di incidere in modo costruttivo sulla gestione politica di Solbiate.

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...

mercoledì 14 marzo 2012

8 MARZO CON MIMOSA...E IL PGT RIPOSA...

Il consiglio comunale indetto nel giorno della festa della donna si è aperto con un omaggio floreale consegnato a tutto il pubblico femminile presente in sala, compreso tre soldatesse di stanza presso la caserma U. Mara, auspichiamo che il gesto signorile compiuto dal sindaco Melis faccia effetto sui vertici militari della base, i quali potranno ricambiare versando la modesta cifra di c.ca 255.000 euro di tarsu ancora arretrati. Questo unico episodio possiamo annoverarlo tra le cose salienti della serata, dopo di che come sempre purtroppo non è calato il sipario ma si è alzato per dare il via all’ormai consueto teatrino tra il sindaco che, sempre più a suo agio gestiva, degno del miglior Bruno Vespa, lo scandire degli interventi, zittendo più volte l’opposizione, che quando aveva la parola come al solito non perdeva occasione di perdersi in battibecchi inefficaci e privi di qualsivoglia volontà di fare una seria opposizione. Particolare non indifferente: all'opposizione siedono due ex sindaci delle passate legislature, roba da non credere!
Visti i punti all’ordine del giorno ci siamo accorti che nessuno di questi prevedeva un accenno alla nostra richiesta protocollata in data 27 Gennaio 2012 avente come oggetto la proposta di modifica dello statuto comunale per quanto riguarda la definizione dei servizi pubblici privi di rilevanza economica, in poche parole chiedevamo che il comune prendesse una posizione netta sul tema fondamentale dell'acqua pubblica. Non abbiamo avuto nessuna considerazione, nessuna risposta scritta ci è arrivata.
Forse ci siamo illusi che la nostra determinazione, condivisa dalla stragrande maggioranza dei solbiatesi (vedi risultati referendum), fosse degna di considerazione da parte del consiglio nella sua totalità, peccato, il sig. Melis ha perso l’occasione per mantenere fede alle parole spese in campagna elettorale quando il futuro sindaco asseriva la massima trasparenza del suo operato.
Una ennesima prova dell’idiosincrasia che la politica ha nell' instaurare un giusto confronto con la realta cittadina.
Tornando al consiglio, il terzo punto l’ordine del giorno prevedeva la discussione sul tema caldo del pgt, la sua adozione ufficiale.
Tutto rimandato su proposta del sindaco per un paventato conflitto di interessi che riguarderebbe alcuni consiglieri comunali, se questi “sospetti” siano poi appurati o meno per noi queste notizie confermano quanto scritto nel post dedicato al PGT locale,dove la fretta esercitata nel voler approvare il progetto ignorando le linee guida della legge, solleva molti dubbi e sospetti sui i forti interessi in gioco. Ci chiediamo se ci sarà, come promesso nell'assemblea di presentazione, questa fatidica Assemblea pubblica, per esprimere la propria opinione e per cercare di capire meglio ciò che andremo ad adottare.
Il momento è opportuno perché i cittadini facciano sentire la propria voce se non condividono il piano che noi critichiamo sia nei modi che nei termini, notiamo che attorno all’operato della giunta comincia a risvegliarsi l’interesse della popolazione, anche se per il momento più come spettatori ancorchè interlocutori.
Coraggio, noi siamo pronti a dare voce a tutti quelli che credono nelle nostre battaglie e riescono a vedere la diversità che ci contraddistingue...
Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...

domenica 11 marzo 2012

AGGIORNAMENTO FALLIMENTO SWIM PLANET

Come saprete Martedi 6 Marzo 2012 si è svolto presso il "centro socio-culturale” di Solbiate Olona un incontro organizzato dal sindaco Melis per aggiornare i solbiatesi (era ora!) sulla situazione fallimento Swim Planet e sul futuro della nostra piscina. La serata è stata filmata nel rispetto del nostro programma “fiato sul collo”, per chi fosse interessato, la sua visione è disponibile ai seguenti link:


ASSEMBLEA PUBBLICA FALLIMENTO SWIM PLANET 1/6
ASSEMBLEA PUBBLICA FALLIMENTO SWIM PLANET 2/6 
ASSEMBLEA PUBBLICA FALLIMENTO SWIM PLANET 3/6 
ASSEMBLEA PUBBLICA FALLIMENTO SWIM PLANET 4/6 
ASSEMBLEA PUBBLICA FALLIMENTO SWIM PLANET 5/6 
ASSEMBLEA PUBBLICA FALLIMENTO SWIM PLANET 6/6 


L’incontro non ha fugato i dubbi fatti emergere dal nostro post precedente, il sindaco non ha chiarito come mai siamo arrivati alla chiusura della piscina senza che si facesse nulla per salvaguardare chi aveva stipulato abbonamenti incassati fino al giorno stesso del fallimento!
Poco esaustivo l’accenno alla famosa fidejussione esistente sui lavori di ampliamento e escussa dalla amministrazione comunale portando nelle sue casse un milione di euro.
Il sindaco, che ci è parso vestire i panni del miglior imbonitore, ha spiegato cosa l’amministrazione stia facendo per porre rimedio ai disagi venutisi a creare, sciorinando cifre sui costi dei futuri abbonamenti e informando gli interessati dell’avvenuto accordo con le piscine della zona, tutto questo in attesa di traghettare la struttura nelle mani del nuovo gestore che sarà deciso da una gara di appalto in quanto i soggetti interessati sono più di uno.
Come dire, dato che non siamo riusciti a cautelarci prima, adesso ci adoperiamo a tamponare la situazione alla meno peggio, mentre noi avremmo preferito seguire  la saggezza popolare che cita: “prevenire è meglio che curare!”
Due episodi hanno catalizzato la nostra attenzione: la smentita da parte del sig.Galante, uno dei responsabili della piscina di Cassano, al momento che il sindaco ne dava per certo l’accordo per l’accesso da parte degli abbonati solbiatesi e l’avvilente battibecco con l'ex sindaco Bianchi sulla paternità di una cifra (c.ca 4.300 euro) stanziata per la delibera di un sondaggio di fattibilità per la nuova piscina.
Nessuna novità nemmeno in consiglio comunale svoltosi l'8 marzo, nell'interrogazione chiesta dai gruppi di minoranza “Per Solbiate” e “Progetto Solbiate”, sulla situazione creatasi con il fallimento stesso, solo alti toni di voce, zittimenti e velate rettifiche che, invece di portare trasparenza, hanno sortito solo l'effetto di buttare “fumo negli occhi” e creare ulteriore confusione di chi invece vuole semplicemente CAPIRE.


Ribadiamo la nostra posizione espressa nei post precedenti, niente di nuovo sotto il sole, la serata non è stata di certo esaustiva per comprendere se si è fatto tutto il possibile per non cadere in questa incresciosa situazione.


Vi terremo aggiornati sugli sviluppi della vicenda.


Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...

venerdì 2 marzo 2012

PGT PARTECIPATO NEL RISPETTO DELLA LEGGE REGIONALE??? NO, GIA' AI VOTI IN CONSIGLIO COMUNALE

Lunedi 28 Febbraio 2012, si è tenuta una “conferenza pubblica” concernente l'illustrazione a cura dello studio associato Mazzucchelli/Pozzi/Mazzucchelli del nuovo PGT per Solbiate Olona, era presente come sempre, il MoVimento 5 stelle, citati dal Sindaco i“Sigg. GRILLINI”, che muniti di telecamera, hanno ripreso la serata. Evitiamo invece di commentare l'ennesima perla del trasloco della sede “last second”, diciamo solo che sarebbe stato quantomeno buona norma ed educato, scusarsi.

ED ECCO I VIDEO DELLA SERATA...A VOI LE CONSIDERAZIONI!!!
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 1/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 2/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 3/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 4/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 5/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 6/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 7/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 8/9
conferenza pubblica PGT Solbiate Olona 9/9
*ci scusiamo per la qualità video di alcune parti, ma ci ha visti costretti applicare un effetto, per la mancanza della liberatoria da parte del soggetto interessato.

Abbiamo assistito all'esplicazione di un progetto già in fase di ultimazione e pronto per essere varato in consiglio comunale l'8 Marzo!
 Vi risulta che siano state organizzate serate per concedere la possibilità a tutti di esprimersi e dare un contributo alla stesura del piano? NO!
 Ricordardiamo all'Amministrazione comunale che la legge regionale n. 12 del 11/3/2005 contiene un punto fondamentale: LA PROGETTAZIONE PARTECIPATA cioè:

il primo atto che l'Amministrazione comunale è tenuta a fare quando decide di iniziare la stesura del PGT è informare la cittadinanza che il processo è iniziato. I cittadini o le associazioni di cittadini sono invitati già da questa fase a formulare proposte in merito.
 La differenza rispetto al Piano Regolatore Generale sta nel fatto che in quel caso i cittadini erano chiamati ad esprimersi solo dopo la prima adozione sotto forma di osservazioni al PRG già adottato”

La politica locale tira dritto con i paraocchi, non ha tradito lo spirito autonomo che la contraddistingue, la legge prevede che ci sia la partecipazione di tutti?, me ne infischio, con i soldi pubblici (30.000 € c.ca) appalto la progettazione, impartisco le linee guida e a lavoro ultimato informo i solbiatesi, rimasti in forzato silenzio, che il loro paese si modificherà arbitrariamente in un certo modo.
 Nella stesura di un PGT c'è tanta carne al fuoco, gli interessi sono molti e molteplici e il profitto e la corsa alla edificabilità spesso prendono il sopravvento sul rispetto del territorio e l'ambiente.
 Allo stesso modo forti sono le esigenze dei vecchi potentati locali che vedono una occasione di businnes nella stesura di questi piani.
 Un silenzio da messa domenicale dove chi parlava era il solerte architetto Pozzi il quale ha sciorinato informazioni davanti ad una cartina variegata di colori e una legenda impossibile da leggere a distanza.
 Il rappresentante dello studio si è preoccupato di chiarire che al prossimo incontro che verrà organizzato sul tema gli vengano fatte domande intelligenti (in che senso???).
 Informiamo l'architetto Pozzi che i solbiatesi non sono tutti laureati in ingegneria, quindi al massimo rischierà di dover usare un linguaggio meno tecnico e più comprensibile a tutti, non è un grande sforzo visto che chi gli paga la parcella della consulenza sono proprio loro.
 Chiediamo che alla prossima riunione, semmai ci sarà, partecipi il maggior numero di cittadini, così da poter capire se il progetto in corso sia migliorabile per il nostro territorio, visto che la legge regionale 12, da noi pienamente condivisa, “punta alla “minimizzazione” del consumo di suolo libero secondo una logica di costituzione di politiche virtuose di riuso del territorio, prima di prendere in considerazione l'occupazione di nuove aree da urbanizzare”, cosa che non ci sembra emerso dal progetto appena presentato.

Informiamo che nel frattempo è attivo un sondaggio sulla nostra pagina facebook per esprimere un vostro parere.

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Stay tuned...